Se il Lambrusco fosse musica, sarebbe…

Il Lambrusco è il vino più moderno che ci sia, quello del nuovo life style, poliedrico, versatile, facile ma non banale, spensierato ma profondo, un po’ pupa e un po’ secchione. Perfetto tutto l’anno, ma certamente in questo periodo ancora di più. E così, Cantine Ceci ha deciso di lanciare un progetto che ribadisce ancora di più tutte queste sfumature del carattere di un vino sempre più alla ribalta.

Con “Otello è Musica”, il nuovo progetto che ha come protagonisti il vino top dell’azienda parmense, Otello NerodiLambrusco 1813 si abbinata a Spotify, la piattaforma musicale web con più di 200milioni di iscritti in tutto il mondo. «Otello è musica, – affermano i titolari di Cantine Ceci – e come la musica arriva dritto al cuore. Noi abbiamo fatto suonare la bottiglia di Lambrusco affidandoci a Spotify. Sei etichette per sei emozioni, ognuna per una playlist: scegli la tua, inquadrala e vivila».

L’idea nasce dal concetto che il Lambrusco è il vino pop per eccellenza (come vi ho sempre raccontato, leggete qui) e con le sue bollicine è una vera sinfonia per il palato. Pensando all’Emilia come a uno dei territori più fertili dal punto di vista musicale e cogliendo l’occasione di Parma 2020, capitale italiana della cultura, Cantine Ceci ha deciso di associare il suo vino tanto amato da consumatori di tutte le età, alla musica, l’espressione culturale più diffusa al mondo. La cantina ha messo così le note in bottiglia e le fa suonare attraverso l’etichetta. Sono state individuate sei azioni principali che scaturiscono dall’assaggio del Lambrusco: ballare, cantare, innamorare, eccitare, sognare viaggiare. A ognuna di queste “emozioni” è dedicata un’etichetta coloratissima e dal design accattivante, con un QR Code che inquadrato con uno smartphone si collega direttamente ad una playlist su Spotify. Abbiamo così sei etichette, ognuna associata a quaranta canzoni diverse, per un totale di 240 brani continuamente aggiornati e selezionati appositamente in base all’azione che rappresentano.

Se il Lambrusco fosse musica… Dipende da voi. Con l’etichetta Ballare si parte da Pump Up The Jam dei Technotronic e si arriva a You’re The One That I Want, la mitica canzone di chiusura del film Grease. Con Cantare, invece, non resisterete a canticchiare le note di 50 Special dei Lùnapop, Certe Notti di Ligabue o della struggente Someone Like You di Adele mentre sorseggiate il vostro Otello NerodiLambrusco 1813. Se invece è Innamorare la colonna sonora che fa per voi, magari proprio per una serata romantica, potrete contare su classiconi da mattonella (e da bacio assicurato) come (Everything I do) I do it for you di Bryan Adams fino all’ultima hit di Lady Gaga e Bdradley Cooper, Shallow. La playlist abbinata all’etichetta Eccitare, invece, spazia da Lady Marmelade di La Belle a You Can Leave Your Hat On di Joe Cocker, mentre Sognare è una raccolta di note tra le più disparate, dalla raffinata Dream A Little Dream of you di Ella Fitzgeralm a I sogni son desideri, direttamente dal film Cenerentola (ma mi raccomando, non perdete la scarpetta!). Infine, Viaggiare abbina la spumeggiante anima del Lambrusco a grandi classici come Ticket to ride dei Beatles.

 

 

Tag:, , , , ,
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: