World Happiness Day: le ricette della felicità

Mangiare e bere in compagnia è il segreto della felicità. A sostenerlo è una ricerca della prestigiosa Università di Oxford. I ricercatori hanno esaminato il legame tra il mangiare in compagnia e la felicità di un individuo, scoprendo che più spesso le persone mangiano con gli altri, più è probabile che si sentano felici e soddisfatti delle loro vite (http://www.ox.ac.uk/news/2017-03-16-social-eating-connects-communities ).

E in quanto a tavola e felicità, gli italiani risultano maestri. Infatti, stando a un’indagine di WMF, brand tedesco specializzato in prodotti da cucina, il Bel Paese primeggia in Europa per i pasti in compagnia, in media ben 14 al mese. Seguiti dagli spagnoli che siedono in compagnia 13 volte e gli olandesi con 10. A chiudere la top 5 europea ci sono i francesi e i tedeschi che scelgono pasti conviviali rispettivamente per 8 e 7 volte al mese. L’indagine di WMF, realizzata in occasione della prossima Giornata Internazionale della felicità del 20 marzo, rivela, inoltre, che è la pizza protagonista delle cene in compagnia lungo lo stivale. In pizzeria o a casa, con parenti o amici, infatti, è il piatto più consumato, addirittura in 1 pasto in compagnia su 3. Mentre, a ridurre il rischio di pasti solitari c’è il classico pranzo della domenica in famiglia, 3 volte al mese in media, e le pause pranzo con i colleghi con una media di 2 alla settimana.

Domani 20 marzo è la Giornata mondiale della Felicità, e per questo WMF assieme alolo chef Valerio Braschi, il più giovane vincitore di Masterchef Italia, propongono la ricetta della felicità, un’originalissima “Piadizza” con gli ingredienti che più stimolano la serotonina, l’ormone del buon umore: guacamole, salmone marinato alla barbabietola, chips di cavolo nero, gamberi viola mi-cuit, granella di pistacchi e olio di gamberi.

LA RICETTA DELLA PIADIZZA DELLA FELICITA’ FIRMATA VALERIO BRASCHI PER WMF

“Piadizza” con guacamole, salmone marinato alla barbabietola, chips di cavolo nero, gamberi viola mi-cuit, granella di pistacchi e olio di gamberi.

Per la piadizza:

Farina 0 100gr

Strutto 30gr

Acqua: 30ml

Bicarbonato 1 punta di cucchino

Sale fino qb.

Impastare tutti gli ingredienti, stendere l’impasto al mattarello delle dimensioni di mezzo centimetro.

Cuocerla in padella piana rovente dal primo lato, successivamente girarla e proseguire la cottura, qualche secondo prima di toglierla, farcirla con gli ingredienti.

Per il salmone marinato:

150gr di salmone abbattuto

2 barbabietole precotte

Sale grosso 2 cucchiai.

Frullare le barbabietole con il sale grosso, immergere il salmone completamente nella marinata per 48 ore in frigorifero.

Successivamente lavare il salmone sotto acqua corrente e tagliarlo a sashimi.

Per le chips di cavolo nero:

150gr di cavolo nero

Mettere le foglie di cavolo nero in forno a microonde per circa 1 minuto a massima potenza.

(Importante, fare 1 foglia alla volta)

Per i gamberi viola mi-cuit:

Gamberi viola: 5

Pulire i gamberi viola, rimuovere il carapace, la testa e l’intestino.

Cuocerli solo da 1 lato per circa 1 minuto in padella a fiamma viva.

Per l’olio di gamberi:

Tostare le teste di gamberi viola in forno a 80 gradi per circa 10 ore, successivamente frullarle con olio evo e setacciare.

Per la granella di pistacchi:

Pistacchi di bronte: 30gr

Tostare i pistacchi in padella rovente per qualche secondo, successivamente tritarli grossolanamente.

Per il guacamole

1 avocado

1 spicchio d’aglio

3 lime

1 peperoncino lungo rosso

1 pomodoro ramato

1 scalogno

Sale qb

Pepeqb

Olio evo qb

Pulire l’avocado, schiacciarlo con una forchetta e il succo di 3 lime.

Tritare finemente lo scalogno, l’aglio, il peperoncino e il pomodoro ramato privato dei semi e della pelle.

Unire il trito all’avocado, aggiustare d’olio evo, sale e pepe.

Far riposare in frigo per almeno 2 ore.

Insalata valeriana qb

Insalata riccia qb

Fiori edibili qb

Condire l’insalata con un filo d’olio e del sale.

Guarnire la piadizza con l’avocado, il salmone marinato, i gamberi, l’olio di gamberi, i pistacchi, le chips di cavolo nero, il duo di insalate e qualche petalo di fiore.

Sanbittèr, invece, vero e proprio ambasciatore dell’Arte dell’Aperitivo, rende  omaggio al “World Happiness Day” con Wild Happiness, un cocktail che è un autentico inno alla Felicità. Autore della creazione è il bartender pugliese Giacomo Fiume, consulente di miscelazione e ideatore della pagina Instagram The World of Distillery, che oggi conta più di 74 mila follower.

Dal gusto fresco e graffiante, Wild Happiness è un drink dissetante e aromatico che, grazie al connubio tra l’intramontabile sapore piacevolmente amaro del Sanbittèr Rosso e le note rinfrescanti del liquore al finocchietto, regala un’esplosione di felicità a chi lo sorseggia. I suoi ingredienti semplici e ben mixati, lo rendono un drink profumato e corposo, ideale da gustare dopo cena, perfetto per brindare al giorno più felice dell’anno insieme agli amici di sempre e alla persone che si amano.

Preparare Wild Happiness è semplicissimo. Basta versare il Sanbittèr Rosso e il liquore al finocchietto in un mixing glass, aggiungere due gocce di amaro al finocchietto e due di amaro al sedano, rigorosamente preparati home made. Colmare il mixing glass con ghiaccio e mescolare. A seguire, versare tutto in una coppetta, già raffreddata precedentemente, e colmare con il Sanbittèr Rosso rimanente. Come guarnizione decorare la base del bicchiere con un raffinato fiocchetto verde di raso accompagnato un rametto di profumato finocchietto selvatico. Inoltre, per chi volesse dare un ulteriore tocco creativo, sostituire il ghiaccio tritato con un grosso cubo di ghiaccio quadrato.

 

Tag:, , , , ,
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

7 shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: