Caprai, risultato storico per Parker

Risultato storico per l’Azienda Agricola Arnaldo Caprai che si è vista posizionare 10 dei suoi vini oltre i 90 punti dalla critica per l’Italia della rivista americana firmata Robert Parker. Tra i premiati tutte le referenze di Sagrantino dell’azienda e anche l’intensa e raffinata Cuvée Secrète, nata nel 2012 e che ogni anno unisce il meglio della produzione a bacca bianca della cantina di Montefalco in un blend, come dice il nome, assolutamente segreto.

«Questi prestigiosi voti assegnati ai nostri vini — dice Marco Caprai – rappresentano in primis una grande soddisfazione per tutta l’Umbria oltre che per l’azienda e ci dicono che il percorso che stiamo portando avanti insieme al nostro enologo Michel Rolland sta portando frutti importanti». Marco Caprai e Rolland stanno infatti cercando di studiare e comprendere in modo sempre più completo le caratteristiche della delicata uva Sagrantino, e stanno portando avanti un progetto volto a lavorare sempre meglio questa varietà altamente tannica. «Abbiamo definito un nuovo approccio al Sagrantino modificando molti piccoli dettagli», spiega Marco Caprai.

Un percorso, quello di Caprai fatto di ricerca, sperimentazione e valorizzazione di uno dei territori del vino tra i più interessanti nel mondo, Montefalco, capace di coniugare la qualità sia dei vini rossi sia dei vini bianchi, come dimostra questo importante risultato.

Qui di seguito nel dettaglio i vini premiati e il giudizio di Monica Larner.

96 punti – 2008 Arnaldo Caprai Montefalco Sagrantino Spinning Beauty

“Il Montefalco Sagrantino Spinning Beauty 2008 è una delle espressioni più complete e ambiziose dell’uva Sagrantino che non avevo ancora assaggiato. Spinning Beauty è davvero un elaborato ricamo di sapori e aromi complessi. Ci sono alcuni toni terziari di liquirizia, fumo e cenere di campo, ma il frutto principale del vino è intatto con mora secca e prugna dolce. Forse il componente speziato del vino – con chiodi di garofano, noce moscata e zafferano – è il più difficile da definire e descrivere. C’è molto da contemplare e ammirare in questo vino” Monica Larner.

96 – 2015 Arnaldo Caprai Montefalco Sagrantino 25 Anni

“Questo vino è una vera e propria bellezza baritonale. Il Montefalco Sagrantino 25 Anni 2015 è un’espressione densamente estratta e scura con aromi di frutta nero come l’inchiostro che sono seguiti da neri accenti di liquirizia, fumo e catrame. Il bouquet è profondo e complesso. Qui c’è anche una spezia scura, ma quei toni speziati si mescolano con erbe di balsamo, fumo di barbecue e teriyaki. Il vino è corposo e stratificato, con un ricco tessuto materico. Questa annata premierà coloro che sanno aspettare” Monica Larner.

94 – 2015 Arnaldo Caprai Montefalco Sagrantino Valdimaggio

“Frutta nera, spezie, catrame e tabacco stagionato aprono il bouquet del Montefalco Sagrantino Valdimaggio 2015. Ottieni anche aromi leggermente più maturi di torta al rum o liquore alla ciliegia da questa annata calda e soleggiata. Questo è un vino completo e generoso che mostra tannini stretti sul retro. Nonostante quel muscolo evidente, i tannini sono gestiti con cura in modo che non abbiano un sapore amaro o astringente.Monica Larner.

93 – 2014 Arnaldo Caprai Montefalco Sagrantino 25 Anni

“Il Montefalco Sagrantino 25 Anni 2014 è un vino stabile e ricco che mostra un frutto primario scuro seguito da una lunga successione di spezie, fumo e aromi simili al catrame. Con questo vino ottieni “il pacchetto Sagrantino” al completo, con ampia potenza muscolare. Tuttavia, la lunghezza e la persistenza complessive del vino sono in qualche modo ridotte in questa vendemmia impegnativa” Monica Larner.

93 – 2015 Arnaldo Caprai Montefalco Sagrantino Collepiano

“Il Montefalco Sagrantino Collepiano 2015 si nutre di una selezione di frutta più rigorosa. “Siamo limitati al solo frutto migliore per questo vino e abbiamo cambiato il modo in cui raccogliamo con più raccolti”, afferma Marco Caprai. Questa annata calda e solare ha modellato un vino generoso e invitante che è opulento, audace e ricco allo stesso tempo. Questo vino ha un grande potere, eppure non è così ammaccante come le annate passate che ricordo. L’annata 2015 ha il suo fisico sinuoso.”Monica Larner.

92 – 2014 Arnaldo Caprai Montefalco Sagrantino Valdimaggio

“Il Montefalco Sagrantino Valdimaggio 2014 è ricco di frutta nera, prugne, prugne secche e more secche. Questo vino è molto stretto e compatto al suo interno ed emana onde più morbide di spezie, catrame e cuoio mentre si apre lentamente nel bicchiere. Tuttavia, la personalità generale qui rappresentata è austera, solida e ferma. Per questo motivo, suggerirei di trattenere questa bottiglia per qualche altro anno” Monica Larner.

91 – 2014 Arnaldo Caprai Montefalco Sagrantino Collepiano

L’Arnaldo Caprai 2014 Montefalco Sagrantino Collepiano offre uno stile leggermente più sottile e più accessibile che rispecchia molto il carattere di questa annata. Il vino si apre con un aspetto scuro e aromi di frutti di bosco e mora secca. L’elemento speziato è molto pronunciato ed efficace, aggiungendo pepe nero e riflessi simili a chiodi di garofano al frutto scuro. Il Sagrantino Montefalco è sempre un vino muscoloso, ma nel complesso questa annata è più accessibileMonica Larner.

93+ 2015 Arnaldo Caprai Montefalco Rosso Riserva

Questo vino non è stato prodotto nell’annata 2014, e la frutta di quell’anno è entrata invece nel Montefalco Rosso entry-level. Tuttavia, il Montefalco Rosso Riserva 2015 è un vino generoso e radioso che offre toni accessibili di frutta nera, ciliegia e spezie salate. La miscela vede un grande elemento di Sangiovese e quell’uva brilla in questo vino, grazie ai suoi eleganti toni di frutti di bosco, rosa e viola pressata.Monica Larner.

90 – 2016 Arnaldo Caprai Montefalco Rosso

Il bouquet del Montefalco Rosso 2016 è molto orale e luminoso con aromi di rosa selvatica e lavanda che si sentono impressi e pronunciati in questa annata. L’elemento Sangiovese è stato leggermente ridotto in questa miscela e la componente Sagrantino è forte e chiara. Lo noto soprattutto nella leggerezza e nella tenuta della bocca. Monica Larner.

89 – 2016 Arnaldo Caprai Montefalco Rosso Vigna Flaminia Maremmana

Il Montefalco Rosso Vigna Flaminia Maremmana 2016 parla a coloro che cercano un’espressione più accessibile da Montefalco, una regione vinicola dell’Umbria nota per alcuni dei vini rossi più potenti d’Italia. Invece di muscoli e forza, questo vino mostra invece toni amichevoli di ciliegia brillante, spezie e cioccolato fondente. I tannini sono ben gestiti e puoi abbinare il vino con costolette di maiale o di agnello. Monica Larner.

91 – 2016 Arnaldo Caprai Cuvée Secrète

Nessun vitigno è dichiarato nella Cuvée Secrète 2016 perché l’idea è quella di utilizzare il frutto che funziona meglio in ogni annata con cui questo vino bianco segreto viene prodotto. Sapendo che Marco Caprai coltiva Grechetto, Sauvignon Blanc e Chardonnay, posso presumere che alcune di quelle uve possano essere utilizzate qui. Questo è un vino fragrante e radioso (che vede sei mesi in rovere), rivelando agrumi, melone e frutteto. C’è qualche spezia verde, anice e pietrisco nel finale. Ho sempre ammirato il programma sul vino bianco di Marco Caprai.Monica Larner.

Tag:, , , ,
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: