#DrinkAlsace, tour italiano per i vini dell’Alsazia

Si chiama #DrinkAlsace in Tour ed è il percorso alla scoperta dei vini d’Alsazia cin quattro tappe di altrettante città italiane con l’obiettivo di far scoprire i meravigliosi vini di questa regione, i terroir che la caratterizzano, le tradizioni e le storie ad essi legate.

Un viaggio, quello dei bianchi alsaziani, condotto da Andrea Zarattini – Ambasciatore dei Vini d’Alsazia in Italia, che avrà il compito di guidare i professionisti locali durante le masterclass e il pubblico al momento dell’aperitivo nella degustazione dei vini che spazieranno dalle AOC ai Lieu – Dit sino ai Grands Crus.

Ogni appuntamento si caratterizza per tre momenti forti che avranno il compito di coinvolgere un pubblico diverso: due masterclass rivolte ai professionisti di settore, enotecari e ristoratori, ma anche i sommelier delle diverse associazioni di sommellerie italiane, per proseguire con l’aperitivo, il momento conviviale della giornata, in cui i wine – lover potranno curiosare tra le diverse referenze proposte accompagnati nell’assaggio dai consigli di tutta la squadra del #DrinkAlsace in tour.

Si comincia da Torino martedì 14 maggio presso l’Enoteca e Osteria Rabezzana in Via Francesco d’Assisi 23/C: due masterclass, una alle ore 15.00 e una alle ore 17.00 guideranno i presenti alle scoperta del Riesling, del Gewurztraminer e del Crémant d’Alsace del Domaine Charles Frey, del Domaine Sipp Mack e del Domaine Willm.

Si prosegue con Verona lunedì 17 giugno e a seguire il 1 luglio nuovamente in Piemonte, mentre il 9 settembre i Vini d’Alsazia saranno in Veneto a Padova. Tutti i rendez – vous si caratterizzeranno per vini di produttori alsaziani diversi già distribuiti sul mercato italiano.

L’iniziativa #DrinkAlsace in Tour poggia le sue basi proprio su un mercato, quello italiano, che da sempre è di grande interesse per la regione francese. I dati export sull’Italia sono decisamente positivi: ad oggi per tutte le AOC si riscontra un + 16,2% in volume rispetto al 2017 con 4 500 hl tradotto in bottiglie siamo a 600 000 ossia 50 000 casse da 12 bottiglie esportate di cui 3 300 hl (+ 21,4%) di vino fermo e 1 200 hl (+ 4,2%) di Crémant d’Alsace. Il tutto tradotto in valore si aggira intorno a + 15,7% per tutte le AOC.

Tag:, , , , , ,
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: