The World’s 50 Best Restaurants: Geranium al primo posto, Lido 84 e Calandre tra i top10

The World’s 50 Best Restaurants, sponsorizzato da S.Pellegrino & Acqua Panna, ha nominato il Geranium di Copenaghen, guidato dallo chef Rasmus Kofoed e dal sommelier Søren Ledet, The World’s Best Restaurant 2022.

Insieme alla proclamazione del Geranium, svelato in diretta durante la cerimonia di questa sera, tenutasi presso lo storico Old Billingsgate di Londra e condotta dal famoso attore e gourmet Stanley Tucci, è stata anche annunciata la classifica dei 50 migliori ristoranti del mondo 2022, che premia l’eccellenza gastronomica di 24 paesi presenti in cinque continenti, con 12 ristoranti al loro debutto in classifica.

Sei i ristoranti italiani tra le prime 50 posizioni, di cui 2 nella top ten. 

  • Il Lido 84, il ristorante di Gardone Riviera (Brescia), guidato dallo chef Riccardo Camanini, conquista la posizione più alta salendo alla n.8 (nel 2021 si è classificato al n.15).
  • Al n.10 Le Calandre di Rubano (Padova), guidato dallo chef Massimiliano Alajmo, guadagna 16 posizioni dal 2021.
  • Il ristorante Uliassi di Senigallia, dello chef tre stelle Michelin Mauro Uliassi, si classifica al n. 12, scalando 40 posizioni dal 2021. E si aggiudica il premio Highest New Entry, sponsorizzato da Aspire Lifestyles.
  • La Posizione n.15 va al Reale di Castel di Sangro (L’Aquila), il ristorante dello chef Niko Romito.
  • Mentre il Piazza Duomo di Alba (Cuneo), guidato dallo chef Enrico Crippa, va al n.19.
  • Alla posizione 29 il St. Hubertus dell’Hotel Rosa Alpina a San Cassiano dello chef Norbert Niederkofler (nel 2021 si era posizionato 54°).

Il Geranium sale al gradino più alto della classifica dalla seconda posizione conquistata nel 2021, prendendo il posto del Noma, incluso quest’anno nella hall of fame dei ristoranti Best of the Best. La missione del Geranium è creare piatti che risveglino i sensi. Grazie alla sua meticolosa cucina e alla sua
incredibile visione, lo chef Kofoed, che ha di recente scelto di non utilizzare più la carne, ha ottenuto riconoscimenti e vanta ammiratori da tutto il mondo. Sul podio accanto al Geranium il ristorante Central di Lima (No.2) e il Disfutar di Barcellona (No.3).

È italiana la scalta in classifica più vertiginosa: il ristorante Uliassi di Senigallia raggiunge il 12° posto in
classifica scalando 40 posizioni in un colpo e conquista il premio Highest New Entry Award, sponsorizzato da Aspire Lifestyles, per la
rivisitazione contemporanea che affonda le sue radici nella tradizione culinaria della Riviera Adriatica.

Tra le altre new entry si possono annoverare: l’Alchemist (No.18) e il Jordnær (No.38), entrambi a
Copenaghen; The Jane (No.23) ad Anversa; Le Clarence (No.28) a Parigi; il St Hubertus a San Cassiano
in Italia (No.29); e l’Ikoyi (No.49) a Londra.

Il Nobelhart & Schmutzig (No.17) riceve il Villa Massa Highest Climber Award, scalando 28 posizioni
rispetto alla classifica 2021. Orgoglioso della sua filosofia che punta sulla tradizione locale, il Nobelhart
& Schmutzig valorizza i produttori del territorio, con il risultato di avere una lunga lista d’attesa per il
suo menu d’autore di 10 piatti.
Jorge Vallejo, chef-proprietario del Quintonil (No.9) a Città del Messico, vince l’Estrella Damm Chefs’
Choice Award. Lo chef, che ha avuto un’influenza significativa nel settore gastronomico, è stato
votato dai più importanti chef del mondo.
Aponiente, nel sud-ovest della Spagna, porta a casa il Flor de Caña Sustainable Restaurant Award.
Questo premio è gestito in modo indipendente dalla Sustainable Restaurant Association, che valuta i
locali che si auto candidano basandosi su un’ampia gamma di criteri, tra cui la responsabilità
ambientale e sociale.
La serata ha dato anche spazio ai vincitori dei premi speciali già annunciati, tra cui Dieuveil Malonga,
Koh Seng Choon, Olia Hercules e Alissa Timoshkina che si sono aggiudicati il premio Champions of
Change; Leonor Espinosa, nominata The World’s Best Female Chef, premio sponsorizzato da Nude
Glass; l’imprenditrice sociale Wawira Njiru, vincitrice dell’Icon Award; e il ristorante marsigliese AM
par Alexandre Mazzia che ha conquistato l’American Express One To Watch Award.
I World’s 50 Best Restaurants Awards 2022, sponsorizzati da S.Pellegrino & Acqua Panna, organizzati
presso lo storico Old Billingsgate a Londra, quest’anno celebrano il 20° anniversario della prestigiosa
classifica gastronomica mondiale.

Il sistema di votazione
La classifica di The World’s 50 Best Restaurants 2022 è votata da più di 1.000 esperti internazionali nel
settore dell’alta ristorazione e della gastronomia che compongono la The World’s 50 Best Restaurants
Academy. Con un’eguale presenza di donne e uomini, l’Academy comprende 27 paesi in tutto il
mondo, ognuno dei quali conta 40 membri incluso un presidente. Nessuno sponsor legato all’evento
interferisce sul processo di votazione. La società di consulenza Deloitte verifica in modo indipendente
la classifica di The World’s 50 Best Restaurants. Tale analisi garantisce l’integrità e l’autenticità del
processo di voto e dei risultati svelati.

Best of the Best
I ristoranti, che fanno parte dell’élite dei numero 1 eletti nelle scorse edizioni di The World’s 50 Best
Restaurants (elenco a seguire), hanno dimostrato e confermato il loro valore e saranno per sempre
riconosciuti come destinazioni gastronomiche iconiche nella hall of fame dei Best of the Best. Gli chef
e i ristoratori che hanno portato i loro ristoranti al vertice della classifica hanno espresso il desiderio
di investire nel futuro del settore e di “restituire valore” al mondo della ristorazione attraverso nuovi
progetti e iniziative. Ecco l’elenco dei ristoranti eletti vincitori nella classifica The World’s 50 Best
Restaurants dalla prima edizione, fuori gara nel 2022 e per i prossimi anni:
• El Bulli (2002, 2006-2009)
• The French Laundry (2003-2004)
• The Fat Duck (2005)
• Noma – original location (2010-2012, 2014)
• El Celler de Can Roca (2013, 2015)
• Osteria Francescana (2016, 2018)
• Eleven Madison Park (2017)
• Mirazur (2019)
• Noma – current location (2021)

 

Tag:, , , , ,
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 shares

Iscriviti alla newsletter di Geisha Gourmet

Loading

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
WordPress Appliance - Powered by TurnKey Linux