Camici&Calici, Paolo Brinis racconta la passione per il vino in corsia e in farmacia

Metti insieme calici e camici, ovvero enologia e medicina, una penna di grande esperienza e tanto cuore: quello che esce è un blend che racconta le tante sfumature che assume la passione per il vino in un ambiente particolare come quello degli operatori sanitari. Calici&Camici è il titolo del libro dell’amico nonché  di News Mediaset Paolo Brinis, una lunga militanza tra vigneti e cantine, col suo libro “Calici & Camici” in libreria da settembre, edito da Cinquesensi.

Un libro di incontri e di amicizia, di passioni condivise e di amore per il vino, in cui Paolo presenta e interroga uno scelto manipolo d’illustri rappresentanti di ogni campo della medicina: tra ricordi, consigli, aneddoti e divagazioni, si pone nell’animo di dare risposte e consigli utili nella simpatica atmosfera di un convivio tra amici, per capire meglio i benefici (molti) ma anche i pericoli (pochi ma gravi) che si possono incontrare nella relazione con il nettare di Bacco.

 

L’AUTORE | Paolo Brinis

Giornalista della redazione di News Mediaset, da 30 anni racconta il Nord-Est Italia per i notiziari del Gruppo televisivo: TG$, TG%, Studio Aperto e TGCom24. Ha vissuto importanti esperienze giornalistiche anche in Israele, Iraq, Regno Unito e Giappone. Tra i suoi interessi ci sono l’arte contemporanea e la cultura vitivinicola. Fuma sigari cubani molto raramente, ma è comunque affascinato da tutto ciò che abbia con loro a che rare, tanto da averne scritto nel libro “Il giro del Mondo in 80 sigari”.

LA PREFAZIONE di Paolo Brinis

Gino Gerosa, trentino, classe 1957, tifoso dell’Inter, ex allievo della Scuola Militare Nunziatella di Napoli, è un luminare della cardio-chirurgia. È stato lui ad ispirarmi questo librino, raccontandomi di un ciclo di conferenze che vede- va protagonisti medici, chef e vignerons.

La cosa mi ha subito incuriosito ed ecco allora l’idea di scrivere di vino amalgamando tra loro interviste a cardiologi, oculisti, strizzacervelli, urologi, primari, dentisti ed altri wine-bevar (*) che indossano il camice bianco.

Un librino che non vuole avere nessuna ambizione divulgativa tecnico-scientifica. Non si propone insomma come un tomo da consultare in vista di un esame importante alla Facoltà di Medicina, benché i professionisti protagonisti delle pagine che seguono siano tutti più che autorevoli e competenti.

Mi piaceva però l’idea di chiacchierar di vino – evitando di prendersi troppo sul serio, in maniera scanzonata e con un pizzico di ironia – con i rappresentanti di una categoria che alla mia età tengo in grandissima considerazione, pur nella speranza di non aver molto con loro a che fare, se non per alzare insieme un calice di Barolo di Elvio Cogno o un Brunello di Casanova di Neri.

Ricordi, appunti, aneddoti, consigli, ricette in bianco e divagazioni si alternano capitolo dopo capitolo. Confidando che il lettore possa essere censore generoso e che la lettura lo spinga ad un bere consapevole, senza trascurare la prevenzione.

E con l’auspicio che l’Unione Europea non voglia davvero bollare il vino come sostanza cancerogena. L’“Europe’s Beating Cancer Plan” presentato all’inizio di febbraio 2021 a Bruxelles, potrebbe avere conseguenze davvero penalizzanti per la produzione vitivinicola dei maggiori produttori continentali, Francia e Italia in primis.

Il documento introdurrebbe il principio secondo cui il consumo di alcol sia da considerarsi dannoso a prescindere dalle quantità assunte (senza distinguere tra uso e abuso) e dalla tipologia della bevanda scelta. Ma non solo. Raccomanda anche l’adozione di claim allarmistici simili a quelli che campeggiano sui pacchetti di sigarette. Infine, esorta a una revisione della fiscalità sulle bevande alcoliche e propone il ridimensionamento dei fondi per la promozione del vino nei mercati esteri.

Per il vicepresidente della Commissione europea – il greco Margaritis Schinas – “l’Ue non ha nessuna intenzione di proibire il vino, né di etichettarlo come una sostanza tossica, perché fa parte dello stile di vita europeo”.

La commissaria alla salute, la cipriota Stella Kyriakides, sta però valutando di rendere obbligatorie, a partire dal 2023, una serie di minacciose avvertenze sui rischi per la salute, ben visibili sulle etichette delle bevande alcoliche.

Tutto ciò trascurando la necessità di educare ad un bere corretto, affinché le nuove generazioni possano comprendere che dentro ad un bicchiere ci sono storia, cultura, tradizione, socialità. Le interviste ai medici protagonisti di “Calici & Camici” hanno proprio questo intento.

(*) Neologismo creato dall’istrionico e dissacrante oste Mauro Lorenzon, ad indicare chi il vino lo beve, in contrapposizione ai moltissimi (presunti) esperti che di vino ne parlano fin troppo.

Tag:, , , , ,
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 shares

Iscriviti alla newsletter di Geisha Gourmet

Loading

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
WordPress Appliance - Powered by TurnKey Linux