7 vini per 7 papà non convenzionali

Sarebbe facile fare i soliti nomi di grandi vini da regalare o stappare per la festa del papà. Qui di seguito, invece, troverete una selezione di  7 vini non convenzionali, con cui sarete sicuri di stupire persino il papà più enoappassionato che ci sia.

Cuvée dell’Angelo Blanc de Noirs Castello di Cigognola

Per la festa del papà Castello di Cigognola, di proprietà della famiglia Moratti, propone Cuvée dell’Angelo Blanc de Noirs. La maison dedica il Metodo Classico ad Angelo Moratti, imprenditore e Cavaliere del lavoro, nonno di Gabriele Moratti che dal 2019 – insieme all’AD Gian Matteo Baldi – gestisce l’azienda. Nessuna aggiunta di zucchero dopo la sboccatura e 72 mesi di affinamento sui lieviti caratterizzano questo spumante dal perlage fine e raffinato. Al naso e in bocca Cuvée dell’Angelorivela una notevole persistenza, esprimendo l’ottimale maturazione delle uve allevate sul lato nord-occidentale della collina di Cigognola. Cuvée dell’Angelo è figlia del Pinot Nero, varietà protagonista del progetto enologico di Castello di Cigognola, che intende offrire un’espressione autentica e di alta qualità del talento vitivinicolo dell’Oltrepò Pavese.

40 euro

Dosaggio Zero Lessini Durello Riserva Doc Giannitessari

Questo vino è un  Metodo Classico prodotto con le uve dei monti Lessini che riposa sui lieviti per almeno 9-11 anni. L’aroma complesso di frutta secca e acacia con note di miele e la grande struttura, che evoca sentori di pane tostato e lievito, ne raccontano il lungo affinamento in bottiglia nelle cave sotterranee della cantina di Roncà (Verona). Di colore giallo brillante, con perlage finissimo, questo spumante presenta in perfetto bilanciamento tra acidità e mineralità. Nasce dall’esperienza del suo ideatore Gianni Tessari, vignaiolo tra le province di Verona e Vicenza, che attraverso le tre versioni – Brut, Extra Brut e Dosaggio Zero – si propone di valorizzare il Lessini Durello Metodo Classico come bollicina d’eccellenza.

40 euro

Troy Chardonnay Riserva 2018 Cantina Tramin

Era il 1898 quando Christian Schrott, parroco di Termeno e successivamente deputato al Parlamento di Vienna, fondò Cantina Tramin insieme ad alcuni vignaioli della zona. In un momento storico difficile per l’agricoltura, dove l’uva era pagata pochissimo, Schrott avviò il progetto per garantire libertà, dignità e sicurezza ai piccoli viticoltori locali. Troy Chardonnay Riserva 2018 è il vino che rappresenta la sfida e il percorso verso le vette dell’enologia, un elegante Chardonnay d’impronta alpina che deve il suo nome all’antica lingua locale, dove “troy” significa “sentiero” e rimanda al lungo e appassionante percorso che ha portato alla nascita di questo vino, che al naso esprime intensi profumi di frutta gialla tropicale intrecciati a sentori floreali e di nocciola tostata con delicati ritorni di menta e di agrumi gialli. Fresco e salino, al palato sprigiona intensi aromi fruttati. Lungo e profondo il finale giocato su note minerali.

75 euro

Sassi Chiusi 2016 Bertinga 
I Sassi Chiusi, il cui nome deriva dal caratteristico terreno pietroso che unisce tutti i vigneti dell’azienda, è quello che in Francia sarebbe chiamato il “secondo vin”. L’unico vino che rappresenta l’azienda nella sua totalità, essendo prodotto da uve provenienti da tutti e tre i vigneti: Bertinga, Adine, Vertine. Il sentiero scelto da Bertinaga, cantina che ha debuttato nel 2021,   è quello di produrre espressioni “anarchiche”, prodotti profondamente territoriali ma altrettanto marcatamente originali: chiantigiani per Dna, non per denominazione. Sangiovese all’80% e 20% Merlot, il Sassi Chiusi affina in cemento per il Sangiovese e acciaio per il Merlot per un minimo di 12 mesi. Al naso profuma di note di frutta rossa, ciliegia e viola, mentre in bocca corpo e struttura si mischiano ad aromi di marasca, ribes nero, prugne e spezie, con un tannino ben integrato.
25 euro
Casalferro 2018 Ricasoli 1141 

Casalferro 2018, un Merlot in purezza che dialoga con il territorio e parla la lingua della sua terra, un vino contemporaneo che esalta le qualità più nobili del Merlot, mettendone in luce il perfetto adattamento alle terre Toscane. Del resto, ricerca, terroir e sostenibilità sono i pilastri della vitivinicultura di Castello di Brolio, da quasi nove secoli protagonista della storia toscana e sinonimo indiscusso di Chianti Classico. Se il Sangiovese, quindi, domina nella produzione, questo Merlot è un esercizio di stile molto ben riuscito, che già al naso presenta la sua grande eleganza attraverso note di frutta rossa, fiori del bosco e un vegetale eucalipto. Al palato è profondo, fresco e di grande struttura.

50 euro

Veneroso 2017  Tenuta di Ghizzano    

È il vino storico dell’azienda e il più rappresentativo. La prima annata di produzione è il 1985 e da allora interpreta, con il suo frutto elegante e la sua mineralità,  le caratteristiche del terroir da cui nasce. Prevalentemente da uve Sangiovese con una percentuale di Cabernet Sauvignon (30%), il Veneroso è diventato un punto di riferimento per la zona vitivinicola da cui nasce, ossia quella di Pisa. Al naso sprigiona profumi intensi di fiori e di frutta rossa matura, al palato è fresco, con una giusta acidità e un grande equilibrio.

23 euro

Le Pupille 2016 Fattoria Le Pupille

Ne è passata di acqua sotto i ponti da quando la giovane Elisabetta Geppetti pensò per la prima volta di trasformare quella che era una passione di famiglia per il vino, in qualcosa di più concreto. Acqua, ma soprattutto vino, e quello di Elisabetta è diventato uno dei punti di riferimento dell’enologia italiana per i wine lover più raffinati. E di grande classe è anche Le Pupille, frutto del grande amore di Elisabetta per il Syrah e del forte desiderio della figlia Clara di realizzare il sogno di produrre un grande vino dedicandosi personalmente alle varie fasi dell’intero progetto. Questo vino esprime un dualismo per la presenza di uve da due diverse vigne di provenienza, due vinificazioni diverse, nonché di due diverse generazioni: madre e figlia che guidano unite l’azienda. Le Pupille è un vino di grande freschezza ed eleganza, con un ricco bouquet aromatico nel quale emergono note speziate, di erbe officinali e pepe nero. Gli aromi secondari e terziari ci rimandano al cuoio delle concerie toscane, radice di liquirizia, cacao amaro.
105 euro

 

Tag:, , ,
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 shares

Iscriviti alla newsletter di Geisha Gourmet

Loading

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
WordPress Appliance - Powered by TurnKey Linux