Roberto Anesi è Master internazionale

Oggi mi sono svegliata e ho ricevuto subito una bella notizia. Mica male per essere lunedì! L’amico sommelier trentino Roberto Anesi di Canazei (suo il ristorante El Pael), dopo essersi piazzato quarto al concorso come Miglior sommelier d’Italia, ieri – 25 aprile – è riuscito a vincere l’ambitissimo concorso “Master internazionale sui vini passiti e da meditazione”, svoltosi alla Facoltà di Agraria dell’Università di Perugia. Le prove si sono divise in due sessioni. La mattina i concorrenti si sono dovuti cimentare in un questionario di 21 domande su tutto il mondo dei vini dolci (un’ora di tempo per rispondere), quindi degustazione cieca di quattro campioni ed abbinamento cibo vino con uno dei quattro a scelta dei concorrenti. Chi ha superato la prova, si è trovato ad affrontare la finale nel pomeriggio. Maurizio Zanolla (miglior Sommelier Toscana 2005), Roberto Anesi, Anna Tenti (miglior Sommelier di Arezzo 2009) e Sergio Gareffa si sono contesi il titolo tra degustazioni, prove di servizio e correzioni della carte dei vini. La classifica finale ha visto al primo posto il trentino Roberto Anesi, secondo Maurizio Zanolla (Firenze), terzi a parimerito Anna Tenti di Arezzo ed il ligure Sergio Gareffa.

Chapeau, Roberto!

Previous Post Next Post

Commenti

    • Giovanni Romito
    • 26 aprile 2010

    Due toscani in finale, ma il Trentino è sempre più forte….complimenti!!

  1. Grazie mille Francesca per darmi la possibilità di esprimere il mio pensiero dal tuo nuovo e bellissimo blog che leggo ogni giorno.

    Voglio condividere questa soddisfazione con tutta l’AIS Trentino che mi ha dato tante possibilità di crescita ma anche con tutto il comparto che opera in un settore dove la passione e l’impegno si toccano con mano.

    Ad una persona particolare, però, sento di dover dire davvero Grazie…. ed è il mio Presidente Mariano Francesconi.
    Da quando ho deciso di accettare la richiesta di collaborare al suo fianco non ho perso una sola possibilità per attingere alla sua conoscenza ed alla sua preparazione.

    Ed ora cara Francesca ti saluto…. dopo tanti vini dolci sento la necessità di tornare al quotidiano e di festeggiare con una bella bollicina, Trentina ovviamente!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: