Tommasi: lanciato oggi il nuovo Amarone dedicato a Villa De Buris, appena restaurata

Debutta oggi De Buris, il nuovo Amarone della Valpolicella firmato da Tommasi. Riserva 2008, come dichiarato a Winenews, «De Buris è un sogno che ha radici lontane, quando vent’anni fa la famiglia Tommasi acquistò le vigne de La Groletta, riconosciuto territorio vocato di produzione dell’Amarone e cru simbolo della Valpolicella Classica. Dieci ettari di vigneto di cui 1,9 dedicati esclusivamente a De Buris per catturare l’essenza del terroir; collocati nella porzione più alta e caratterizzati dalla particolare composizione argillosa del terreno ed un’esposizione a sud ovest, che gode del clima mite del Lago di Garda. Una materia prima di altissima qualità, ulteriormente esaltata dall’assemblaggio delle uve autoctone, che contraddistingue l’annata, composto per il 62% di Corvina, 25% di Corvinone, 5% di Rondinella e per l’ 8% di Oseleta. Un vino nato per nobilitare e omaggiare questa terra e la sua denominazione più prestigiosa e rappresentativa: l’Amarone».

Un vino legato al recupero e al restauro di Villa De Buris, la più antica della Valpolicella, che non solo diventa casa di un nuovo “cru” di Amarone Classico, ma cche sarà anche sede di una Fondazione a tutela dei tesori della terra e dell’arte, per valorizzare il patrimonio storico-culturale e sostenere la ricerca in campo enologico-vitivinicolo.

Un nuovo progetto celebrato anche con una cena stellata a quattro mani, stasera, con Cedroni, Cuttaia, Perbellini ed il chocolate designer Comaschi.

Tommasi Family Estates conta su oltre 562 ettari di vigneti tra Veneto, Toscana, Lombardia, Puglia e Basilicata, in alcuni dei territori più importanti del vino del Belpaese, dalla Valpolicella a Montalcino (con Casisano), dal Lugana al Soave, dalla Maremma (Poggio al Tufo) a Manduria (Surani), dal Vulture (Paternoster) all’Oltrepò Pavese (Caseo).

Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: