Allegrini Cantina dell’Anno e Marilisa candidata a Person of the Year da Wine Enthusiast

por Sexta-feira, Setembro 4, 2015

E’ di qualche giorno fa la notizia della candidatura di Marilisa Allegrini come “Person of the Year” da parte di Wine Enthusiast, e ieri è stata ufficializzata una vittoria tutta italiana: Cantina dell’Anno de Gambero Rosso, il premio speciale più ambito del settore vinicolo assegnato dalla guida “Vini d’Italia” curata da Marco Sabellico, Gianni Fabrizio e Eleonora Guerini.

Ad essere incoronato è anche l’Amarone della Valpolicella Classico Allegrini 2011, por 14 anni consecutivi nel rating di Wine Spectator con punteggi superiori a 90, che ha conquistato il suo 19esimo Tre Bicchieri, portando l’Azienda a quota record di 31 riconoscimenti del Gambero Rosso.

E’ un onore ricevere un riconoscimento così importante da una vera e propria istituzione come il Gambero Rosso; una soddisfazione che appaga gli sforzi del duro lavoro di una vita, ed un’enorme gioia che condivido con la mia Famiglia. Ogni giorno, tutti noi lavoriamo con passione, con l’unico obiettivo di fare un vino unico e riconoscibile, seguendo fedelmente la filosofia innovativa ma autentica tramandatami da mio padre. Sono contenta inoltre per le motivazioni del premio che hanno saputo dar luce ad uno dei nostri veri valori aggiunti, al nostro patrimonio agronomico di collina, anche questa intuizione di mio papà”commenta Marilisa Allegrini.

 

Cantina dell’annoAllegrini – Motivazioni
Marilisa e Franco Allegrini hanno saputo portare l’azienda fondata da papà Giovanni a essere una delle punte di diamante dell’enologia nazionale, sviluppandosi ben oltre i confini regionali e al tempo stesso rimanendo fortemente legata al territorio d’origine. Sono più di cento ormai gli ettari di vigneto in Valpolicella, distribuiti lungo i pendii meglio esposti della denominazione, rifuggendo dai fondovalle e, Na verdade, inseguendo la freschezza che solo l’alta collina può donare, per una produzione solida e di grande integrità.

0

Ainda não há comentários.

O que você acha?

Seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados *