Vinitaly: fêmeas de machos vs

por Segunda-feira, Abril 7, 2014

Cerca de 100.000 metros quadrados de prazer, pelo menos para o público de comida e bebida que cresce progressivamente cada ano, Sou uma bela arena.

Disse que o Conselho de um amigo e mestre autoritário no campo para se concentrar em um problema para evitar a falta de coerência de uma feira de-monstre como Vinitaly sabendo apenas ser.

Visto a partir dele, Então, questo magico mondo orientato al moderno piacere (pare più in voga del sesso) vede protagoniste le donne; già solo un’immediata osservazione comparata uomo/donna racconta molto: l’uomo appare come una sintesi perfetta del nerd anni ’70 o dello “smanettone” tecnologico nuovo millennio, se parliamo delle nuove generazioni: le vecchie le conoscete già e si riassumono nella parola “sfatto” da troppi bicchieri.

xp110317102608La donna è un fenomeno relativamente recente ma che si sta consolidando velocemente grazie ad alcune caratteristiche: rappresenta l’incarnazione della parte edonistica del consumo di vino, beve bene per goderne e con attenzione a non eccedere; il fisico “tiene” ed è curato, la sintesi è che la frequentatrice di eventi enogastronomici nella maggior parte dei casi è gnocca, con ciò intendendo il complimento massimo che un uomo interessato al gentil sesso possa esprimere a una donna “divertente e divertita”; “stordita” quasi mai, si muove con levità in tutta la fiera esercitando la propria innata capacità di ascolto.

Direte: un fenomeno limitato? Quanto di mai sbagliato si possa affermare, basta andare in questi giorni al Vinitaly per dare un’”occhiata”…

Vabbè, una chicca eno ve la passo: la proprietà italianissima di uno champagne tutto da provare, l’ENCRY, a partire dal dosage zero (Almofada. 10 Piemonte, stand Marc De Grazia Selections B2/C2).

fotos (1)
P.S.
O dondolanti da eccesso di alcol già nel primo pomeriggio sono solo uomini, la riprova di quanto affermato in queste brevi righe della superiorità femminile.
Ancora un po’ e avremo bisogno delle “quote celesti”.

0

Ainda não há comentários.

O que você acha?

Seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados *