http://geishagourmet.com/2011/07/30/ricette-da-mettere-in-valigia/

“Receitas” de pacote

por Sábado, Julho 30, 2011

Vamos dizer que você não é perfeito e que, portanto, as férias para criar um pouco’ problemas no aspecto da nutrição. E então vemos alguns conselhos em um giro manual de Assolatte.

Prima di affrontare un lungo viaggio in automobile è meglio adottare queste semplici regole di comportamento:

se ci si mette in viaggio al mattino fare una buona colazione all’italiana, con latte e/o yogurt e prodotti da forno, perché aiuta ad affrontare con energia una giornata intensa e ad evitare cali di attenzione durante tutto il mattino
prima di mettersi al volante nel tardo pomeriggio è meglio fare un piccolo spuntino per evitare crisi ipoglicemiche, che potrebbero appannare i riflessi
durante la giornata fare piccoli pasti con alimenti facilmente digeribili
bere spesso in modo da evitare la disidratazione, preferendo acqua, spremute di frutta e latte
lasciar perdere gli alcolici, i cibi fritti e gli alimenti ricchi di zuccheri.

Chi ha scelto una meta esotica e la raggiunge in aereo dovrebbe ricordarsi di:
consumare un pasto sano e leggero prima di partire. Un’insalata con dadini di formaggio o una macedonia con yogurt sono ideali
adattarsi subito agli orari del paese di destinazione e fare cene leggere: aiutano a minimizzare gli effetti del jet lag e a facilitare il riposo
resistere alla tentazione di mangiare frutta non sbucciata, alimenti crudi(come carne, pesce e latte non pastorizzato), prodotti caseari artigianali e di bere bibite con ghiaccio: evitarli è la miglior precauzione per non contrarre la diarrea del viaggiatore, como ricorda il vademecum per viaggiare in sicurezza realizzato dal ministero del Turismo
consumare ogni giorno dei latti fermentati probiotici che svolgono un’azione preziosa sulla flora intestinale, proteggendo da batteri e virus enterici, che possono causare problemi intestinali, e abbreviando la durata dei sintomi in caso di diarrea del viaggiatore.

0

Ainda não há comentários.

O que você acha?

Seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados *