NIC: terceiro lugar para catering em Lyon

por Domingo, Janeiro de 30, 2011

Angelo Di Lena e Giovanni Cappello

Gli chef del tricolore si aggiudicano il Trofeo di Bronzo alla II edizione della Coppa Europea di Catering a Lione, batendo uma agressivas equipes ao redor do mundo.

Un altro riconoscimento va ad arricchire il già nutrito palmarés della NIC-Nazionale Italiana Cuochi, che rappresenta il nostro Paese nelle competizioni culinarie internazionali ed è nominata dalla Giunta Esecutiva della FIC-Federazione Italiana Cuochi, per promuovere la cucina made in Italy all’estero. In Francia, a Lione, Sábado 22 Janeiro de scorso, le berrette bianche della NIC si sono aggiudicate il terzo posto, dietro Spagna e Francia, alla II edizione della European Catering Cup (www.cateringcup.com), promossa dalla Confédération Nationale des Charcutiers-Traiteurs et Traiteurs e l’Association pour la Promotion de l’Image de la Charcuterie, che si è svolta in occasione del prestigioso SIRHA (Salone Internazionale della Ristorazione, dell’ospitalità Alberghiera e dell’Alimentazione).

Per conquistare il Trofeo di Bronzo oltrAlpe, gli chef Angelo Giovanni Di Lena, Giovanni Cappello e Gaetano Ragunì, capitanati dal General Manager Fabio Tacchella, hanno dovuto affrontare altre 11 squadre, realizzando un menù freddo, a tema prestabilito, per otto persone, comprensivo però di 12 miniporzioni da degustazione. Di fronte a giudici e spettatori, o 12 concorrentes, Itália, França, Espanha, Japão, Brasile, Costa d’Avorio, Lussemburgo, Polonia, Portugal, Repubblica Ceca, Romania e Svizzera, si sono cimentati con un buffet che doveva comprendere “pavé di salmone, con royale di ricotta e vellutata di zucca”, “cuore di salmone marinato alle erbe aromatiche”, “terrina di foie gras alla frutta secca”, “terrina di maiale” e, per dessert, “foresta nera”. Tutto l’insieme, dalla presentazione dei piatti alla decorazione della tavola (che per regolamento non doveva superare un metro e 20 centimetri in altezza), dalla preparazione al design delle portate, era ispirato all’America (ospite d’onore di SHIRA 2011), secondo il soggetto “Il Continente Nuovo”.

Alla manifestazione di Lione, i cuochi tricolori si sono imposti senz’altro per la loro bravura, lo stile culinario e anche per lo spirito di gruppo, connaturato nella nostra squadra, che era uno dei dettagli che potevano essere considerati per il punteggio, insieme a organizzazione, capacità, igiene e pulizia. Ma i criteri di valutazione della giuria, composta da un professionista per ogni Paese partecipante, hanno riguardato la “creatività e l’originalità” e “il rispetto del tema”, in merito alla presentazione del buffet, e “il sapore” e “l’aspetto”, riferiti ai piatti.

L’obiettivo degli organizzatori della Coppa Europea di Catering, ovvero la ricerca di nuove ispirazioni culinarie, la valorizzazione di questo genere di ristorazione e dei diversi saperi in tema e il riconoscimento dell’abilità dei migliori chef del Vecchio Continente, è stato raggiunto tanto che em 2013 l’evento aprirà al resto del mondo, diventando ufficialmente “The International Catering Cup”.

Intanto il team della NIC, con il sostegno della Federazione Italiana Cuochi, archiviato il titolo meritato in Francia, si sta già allenando per le sfide future. La prima gara che vedrà impegnati i rappresentanti dell’arte culinaria del BelPaese sarà la Competizione Continentale d’Irlanda, programado a Dublino dall’8 al 12 febbraio p.v.. In vista dell’imminente match ai fornelli, che consiste in un Menù di Cucina Calda, la Nazionale Italiana Cuochi effettuerà una prova in anteprima, Terça-feira, 1 Fevereiro, presso la S.A.P.S. (Centro di Ricerca e Sperimentazione a Lallio, a província de Bérgamo).

L’intero sodalizio degli iscritti alla FIC auspica che questo ulteriore impegno dei suoi campioni, provenienti dalle tre aree del Nord, Centro e Sud, sia coronato da un risultato positivo che, tra l’altro, come il premio ricevuto a Lione, sarebbe un avvenimento pertinente nell’ambito delle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia!

0

Ainda não há comentários.

O que você acha?

Seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados *