O Vis: cancelado o cda

por Quarta-feira, Setembro 1, 2010

O lançamento do Fedcoop.

Cantina La-Vis: commissariamento per tutelare i soci e garantire il salvataggio

La Federazione Trentina della Cooperazione si è vista costretta a richiedere il commissariamento di LaVis dopo aver preso atto del perdurare dello stato di difficoltà in cui versa la cantina. Schelfi: "É uma derrota do sistema, ma la decisione della Giunta provinciale consentirà di dare continuità alla cooperativa e tutelare i soci”.

Trento, 1 Setembro 2010 – La delibera di commissariamento della cantina LaVis approvata dalla Giunta provinciale fa seguito alla richiesta della Federazione, formulata con lettera dal direttore della Divisione Vigilanza Enrico Cozzio, in cui si evidenzia come il protrarsi dell’attuale situazione di incertezza sta oltremodo demotivando la base sociale arrecando grave danno all’immagine della cooperativa e vanificando qualsiasi programma di rilancio dell’attività sociale.

“Indubbiamente il commissariamento rappresenta una sconfitta del sistema, che avrebbe dovuto trovare dentro di sé le forze imprenditoriali e solidali per la soluzione – ha commentato il presidente della Federazione Diego Schelfi –. A questo ha lavorato la Federazione.

A questo punto la scelta del commissariamento è inevitabile per tutelare i soci e garantire futuro alla cantina. Il commissario e il vice nominati dalla Giunta sono ottimi professionisti che godono della nostra stima e fiducia. Sapranno individuare le scelte migliori per far uscire la cantina dalle difficoltà di questo momento e rilanciarla con un piano industriale serio e credibile. Rinnoviamo la nostra disponibilità alla collaborazione per il bene dei soci e il futuro della cooperativa”.

La Divisione Vigilanza della Federazione aveva lanciato l’allarme più volte in ordine alla tenuta complessiva della cooperativa. Lo aveva fatto con lettera di certificazione al bilancio di esercizio dell’11 dicembre 2009 in cui manifestava riserve sulla redazione del documento contabile. Successivamente, o 9 luglio di quest’anno, segnalava il peggioramento della situazione finanziaria e della redditività aziendale.

Il direttore generale della Federazione Carlo Dellasega era intervenuto personalmente in assemblea dei soci il 15 gennaio scorso per informare la compagine sociale della difficile situazione finanziaria in cui si trovava la cooperativa. In una lettera del maggio scorso la Federazione segnalava la sua grande preoccupazione circa il futuro della cooperativa.

Nel frattempo la stessa Federazione aveva attivato iniziative di studio e di analisi per individuare le linee di orientamento strategico per il rilancio del settore vitivinicolo cooperativo, note comunemente come “piano Pedron” dal nome del principale consulente impegnato nello studio, Emilio Pedron, esperto di credibilità internazionale. Un piano che ancora oggi rappresenta un contributo valido per ristrutturare il comparto, a cominciare dalle situazioni di criticità.

“Dovrà continuare con grande impegno il lavoro attorno alla responsabilità e trasparenza e alla partecipazione dei soci su cui la Federazione sta profondendo grande impegno”, conclude Schelfi. (w.l.)

0
1 Resposta
  • Dipendente amareggiato
    Setembro 3, 2010

    Ma che la smetta anke Schelfi di recitare la parte!!! São 3(!!!) anni che i bilanci della Lavis hanno delle irregolarità. Dove è stato fino ad ora?? A preparare la sua candidatura x le prossime elezioni provinciali?

    Quì è TUTTO il sistema che è ammalato! L’ente pubblico ha drogato il mercato: era impensabile pagare le uve a 120 euro/q. (valore medio!) ed avere cantine sane (il vino va poi anke venduto…). Tutte la cantine sociali hanno goduto di contributi provinciali senza i quali avrebbero dichiarato default già da anni!!!

    Ciò aggrava la mia amarezza sulla magra figura che il vino trentino sta facendo agli occhi delle altre realtà italiane!!

    Forse il denaro pubblico dovremmo(NOI provincia AUTONOMA…) gestirlo meglio: dando finanziamenti a imprenditori vinicoli che fanno grande la nostra realtà e non ad amici dei potenti!!!

O que você acha?

Seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados *