Triveneto: marchio collettivo per l’agroalimentare e il vino?

by mercoledì, gennaio 26, 2011

Oggi Newsfood lancia una notizia da tenere sottocchio, ma a mio avviso irrealizzabile. «Nel Nord Est qualcuno sta pensando di tutelare l’agroalimentare locale con una sorta di super marchio, che agisca da ombrello collettivo, dai vini del Friuli allo speck dell’Alto Adige alle mele della Val di Non».Questo a fronte del grande successo dei prodotti tipici di Trentino Alto Adige, Friuli e Veneto. Ma conoscendo le realtà e le rivalità, vedendo che seppur da anni si parli di un super marchio per il Trentino e l’Alto Adige ancora non si è arrivati a un dunque, il fatto di riuscire a fare con successo un marchio per il Nord Est pare davvero velleitario. Anche se sarebbe una gran bella mossa, da sostenere a spada tratta.

Una volta, quando si parlava del Nord Est d’Italia, saltava subito in mente l’alta qualità dell’abbigliamento, della moda e degli arredi, unita alla meccanizzazione della produzione. Tuttavia, recentemente il territorio ha aggiunto un’altra medaglia al carniere: le 13 provincie sono così diventate una delle locomotive dell’agroalimentare di qualità.

Le cifre non mentono, dice Newsfood: 216 prodotti tipici, di cui 41 premiati con il marchio Dop, Denominazione d’Origine Protetta. 382 vini, di cui 46 Doc(Denominazione Origine Controllata) e Docg (Denominazione d’Origine Controllata e Garantita).

All’origine di tanta eccellenza, la coppia formata dalla specializzazione agricola del territorio unita ad una voglia di produrre, in grado di unire la qualità dell’artigianato alla capacità di adattamento della piccola-media industria. Così, il territorio ospita veri e propri distretti di produzioni affini o di filiera, spesso riunite in cooperative, nel nome di una qualità affermata e riconosciuta.

Parlando del successo alimentare del Triveneto, merita menzione il sistema di ricezione di turisti e visitatori, ormai modello da studiare (ed imitare) per chi vuole esaltare il territorio tramite marketing. Impianti sciistici, alberghi, pensioni e piccoli locali: una rete di strutture e locali che esalta il buono della tavola. Che comunque offre di suo pezzi degni di nota.

Come i formaggi: dai fuoriclasse Dop (Grana, Asiago e Provolone) ai formaggi locali.

O come i vini. Il Südtirol Wein-Vini Alto Adige certifica la qualità dei vini altoatesini, ormai spalla a spalla con le miscele del Collio per ottenere il primato dei bianchi italiani. Il Soave di Verona continua a consolidare la sua importante nicchia anche e sopratutto nei mercati esteri. Il Trento Doc gioca la carta vincente del Ferrari, capo-fila spumanti “metodo classico”, unita a quella di aziende, la cui innovazione sta incontrando pareri positivi. Infine, i vini bianchi del Friuli: dopo un periodo di sbandamento dovuto all’abbandono del nome “Tocai”, questi hanno guadagnato rispetto e fan-compratori.

O come i prosciutti, con il San Daniele e lo speck altoatesino come elementi più conosciuto. Riguardo al San Daniele, il suo Consorzio ha deciso di puntare su ricerca della qualità e sulla tutela del marchio. Da questo nascono 30 aziende, che producono 3 milioni di prosciutti l’anno, di cui il 25% va oltre frontiera. Riguardo poi lo Speck, il marchio Igp ha irrobustito un sistema di promozione già consolidato ed efficace.

Riusciranno queste tre regioni a mettersi assieme?

0

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: