Vinitaly: hommes femmes vs

par Lundi, Avril 7, 2014

Environ 100 000 pieds carrés de plaisir, au moins pour le public d'aliments et de boissons qui croît régulièrement chaque année, Je suis une belle arène.

Les conseils d'un ami et maître faisant autorité dans le domaine dit de se concentrer sur un sujet pour éviter le manque de cohérence d'un monstre de foire comme Vinitaly sachant seulement être.

À partir de lui, puis, questo magico mondo orientato al moderno piacere (pare più in voga del sesso) vede protagoniste le donne; già solo un’immediata osservazione comparata uomo/donna racconta molto: l’uomo appare come una sintesi perfetta del nerd anni ’70 o dello “smanettone” tecnologico nuovo millennio, se parliamo delle nuove generazioni: le vecchie le conoscete già e si riassumono nella parola “sfatto” da troppi bicchieri.

xp110317102608La donna è un fenomeno relativamente recente ma che si sta consolidando velocemente grazie ad alcune caratteristiche: rappresenta l’incarnazione della parte edonistica del consumo di vino, beve bene per goderne e con attenzione a non eccedere; il fisico “tiene” ed è curato, la sintesi è che la frequentatrice di eventi enogastronomici nella maggior parte dei casi è gnocca, con ciò intendendo il complimento massimo che un uomo interessato al gentil sesso possa esprimere a una donna “divertente e divertita”; “stordita” quasi mai, si muove con levità in tutta la fiera esercitando la propria innata capacità di ascolto.

Direte: un fenomeno limitato? Quanto di mai sbagliato si possa affermare, basta andare in questi giorni al Vinitaly per dare un’”occhiata”…

Vabbè, una chicca eno ve la passo: la proprietà italianissima di uno champagne tutto da provare, l’ENCRY, a partire dal dosage zero (Coussin. 10 Piemonte, stand Marc De Grazia Selections B2/C2).

photos (1)
P.S.
LE dondolanti da eccesso di alcol già nel primo pomeriggio sono solo uomini, la riprova di quanto affermato in queste brevi righe della superiorità femminile.
Ancora un po’ e avremo bisogno delle “quote celesti”.

0

Pas encore de commentaires.

Qu'en penses-tu?

Votre adresse email ne sera pas publié. Les champs obligatoires sont marqués *