Bardolino. Le vin produit par les femmes à la médaille d'or. Mot du Mondial du Rosé

par Lundi, Février 24, 2014

Bardolino-donne

Une cave sur trois dans le doc de Bardolino est gérée par une femme. Si l'on considère l'articulation, le pourcentage grimpe même à partir de 33,3% Al 50, bien au-delà de la veneta moyenne régionale, Il se dresse sur un plus modeste 24%. Si vous prenez ensuite en employés familiaux d'examen, figura essenziale nelle piccole e medie aziende del Bardolino, la metà sono donne: anche nelle cantine a conduzione maschile, C'est pourquoi, il ruolo della donna fondamentale. La notizia è davvero curiosa.

Avec ses 30 millions de bouteilles, quella del Bardolino è la quarta zona vinicola del Veneto dopo il sistema Prosecco, la Valpolicella e il Soave ed e’ l’undicesima in assoluto in Italia.

I dati emergono da un’indagine di filiera sviluppata dal Consorzio di tutela del Bardolino.

L’indagine rileva che ben il 72,2% delle cantine associate al Consorzio di tutela ha tra i suoi occupati almeno una donna. Le 22,2% delle aziende ha in generale più femmine che maschi tra gli occupati. Le 5,6% delle aziende è formato al 100% de femmes. Le titolari d’azienda sono soprattutto donne adulte, ossia con un’età superiore ai 40 années: queste rappresentano, En fait, le 91,7% di tutte le conduttrici di cantine della zona. La categoria degli impiegati e’ composta esattamente per la metà da femmine, ma in questo caso si tratta per lo più di ragazze (le 60% delle occupate hanno meno di 40 années). Se poi il Bardolino e il Chiaretto hanno incominciato a primeggiare anche nei concorsi enologici e nelle guide, lo devono spesso proprio alle produttrici.

Per esempio, tutte e tre le medaglie d’oro conquistate dall’Italia all’ultimo Mondial du Rosè, il campionato del mondo dei vini rosati organizzato a Cannes dagli enologi francesi, maestri nel settore, sono arrivate dalle ragazze del Chiaretto: due medaglie per le sorelle Claudia e Giulia Benazzoli, l’altra medaglia alle sorelle Elena e Federica Zeni, che sovrintendono all’azienda di famiglia con il fratello. I “tre bicchieri” del Gambero Rosso il Bardolino li deve a Matilde Poggi, titolare dell’azienda agricola Le Fraghe e tra l’altro anche presidente della Federazione italiana dei vignaioli indipendenti. Ed è il Bardolino di Giovanna Tantini ad aver ottenuto quest’anno l’eccellenza della guida de L’Espresso.

0

Pas encore de commentaires.

Qu'en penses-tu?

Votre adresse email ne sera pas publié. Les champs obligatoires sont marqués *