http://geishagourmet.com/2012/02/21/4856/

Bocuse d’Or Italia 2012 ad Alfio Ghezzi

by martedì, febbraio 21, 2012

E’ Alfio Ghezzi il vincitore della Selezione Italiana del Bocuse d’Or. Lo chef trentino ha gareggiato ieri all’Accademia del Gusto e oggi è stato proclamato portabandiera della cucina italiana alle Selezioni Europee del prestigioso concorso. La proclamazione è avvenuta oggi, 21 febbraio, alla Fiera di Bergamo, alla presenza di Paolo Malvestiti, presidente della Camera di Commercio di Bergamo, Luigi Trigona, segretario generale di Promoberg, Carlo Spinetti, presidente dell’associazione Promozione del territorio, e Giancarlo Perbellini, chef stellato dell’omonimo ristorante veronese e presidente del concorso Bocuse d’Or Italia.

In prima fila ad applaudire il vincitore anche Enrico «Chicco» Cerea, presidente della giuria e patron del ristorante Da Vittorio di Brusaporto (BG), tre Stelle Michelin. Sul secondo gradino del podio si è classificato Massimo Larosa, origini genovesi e attuale chef del ristorante Il Mosaico di Casamicciola Terme, Isola d’Ischia. Terzo posto per Andrea Serravezza,  chef del Resort Tenuta Tresca di San Cassiano, provincia di Lecce, già finalista della selezione italiana 2010.

I tre finalisti erano stati scelti dalla giuria – composta da sette chef d’eccezione, Un lavoro di squadra che vede impegnati i migliori chef della ristorazione italiana che oltre a Perbellini e Cerea , Andrea Berton (Ristorante Trussardi alla Scala – Milano – 2 stelle Michelin), Alessandro Breda (Ristorante Gellius – Oderzo TV -1 stella Michelin), Davide Oldani (Ristorante d’O – Cornaredo MI – 1 stella Michelin), Antonella Ricci (Ristorante Al Fornello da Ricci  – Ceglie Messapica BR 1 stella Michelin) e Giovanni Santini (Ristorante Dal Pescatore – Runate, Canneto sull’Oglio MN – 3 stelle Michelin).

Ghezzi è dal 2010 chef della Locanda Margon di Trento, il ristorante delle Cantine Ferrari, che nel 2011 ha conquistato il primo riconoscimento dalla prestigiosa Guida Michelin. Classe 1970, ha il diploma di cuoco e di tecnico delle attività alberghiere; è stato commis di cucina e chef di partita in prestigiosi alberghi di rinomate località italiane. Dopo alcuni anni dedicati all’insegnamento, ritorna all’originale vocazione di chef e apprende l’arte da due grandi maestri quali Gualtiero Marchesi e Andrea Berton. Con il primo lavora all’Hosteria dell’Orso a Roma e al Casinò Les Princes di Cannes, del secondo è invece sous-chef da Trussardi alla Scala a Milano.

I due piatti presentati sono stati: per la carne Pollo di Bresse tartufato, parfait di fegatini nocciole e corniole, raviolo di ricotta, fave e piccola finanziera “come una patata” profumata al limone, croccante fuori e morbida dentro” e per il pesce Sogliola al vapore e salsa olandese di uova di trota, gambero grigio, daikon, melanzana affumicata e polvere di olio al rosmarino, carciofi e alette di  sogliola alla soja e rafano, fegato di salmerino, amaranto, carota e frutto della passione.

«Questa vittoria è una grande soddisfazione e ringrazio tutti coloro che mi hanno aiutato ad ottenerla a partire dai miei ragazzi – dichiara subito dopo la proclamazione il vincitore –. Ora mi attende un mese di dura preparazione e ciò significa tempo da dedicare all’allenamento e di conseguenza più lavoro da affidare ai miei ragazzi in cucina. Il desiderio è quella di arrivare il più avanti possibile nella graduatoria europea. Sono motivato e ambizioso e spero di poter dare soddisfazione a tutti».

La selezione europea si svolge a Bruxelles il prossimo 21 marzo, dove il vincitore italiano gareggerà con i miglior chef europei.

«Speriamo di raggiungere una buona posizione – afferma Giancarlo Perbellini, presidente del Concorso e chef dell’omonimo ristorante di Isola Rizza a Verona –. Le condizione ci sono tutte. Ora ci aspetta un duro mese di allenamento, ma sarà coadiuvato da un buon gioco di squadra. I sette chef che hanno partecipato alla giuria si sono messi a disposizione e ciascuno di loro adotterà una delle guarnizione che completano i piatti, in modo da aiutare Ghezzi ad arrivare ben preparato a Bruxelles».

Good Luck, Alfio!

0

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: