http://geishagourmet.com/2012/02/20/parla-come-bevi-al-vinitaly-debuttano-gli-amanti-del-buon-bere-che-rifiutano-il-linguaggio-elitario/

Parler de la façon de boire: à Vinitaly là-bas bons amateurs de boire qui rejettent la langue élitiste

par Lundi, Février 20, 2012

Chers amis et chers amis de GG, Enfin quelqu'un commence à prendre au sérieux que prêchait selon le sexe et le vin et notre espace vin veulent les femmes, la nécessité d'un langage simple pour le vin. Certains, Nous à partir du moment où que nous parlons de quelque chose encore plus “Entrez”, ma mi pare di iniziare a intravedere la strada giusta. Leggete il comunicato qui sotto.

IL CONSORZIO COLLI BERICI E VICENZA APRE A VINITALY L’OSTERIA DEI MARIO

Dimanche 25 marzo alle ore 16 chiamati a raccolta i Mario Rossi del vino: gli amanti del buon bere che rifiutano il linguaggio elitario. Formeranno una giuria popolare.

 

Si chiamerà L’Osteria dei Mario lo spazio del Consorzio Tutela Vini Colli Berici e Vicenza al prossimo Vinitaly (pad 7 – stand G5). Sarà un bar in piena regola, con tanto di tavoli in legno e sedie in paglia, carte da briscola e giornale da sfogliare (la Gazzetta di Mario). Ma soprattutto il vino si berrà nei classici goti, i piccoli bicchieri delle osterie di una volta.

“Siamo convinti – spiega Andrea Monico, coordinatore del Consorzio – che il mondo del vino abbia bisogno di una decisa semplificazione. Dobbiamo recuperare la gioia di un bicchiere di vino da bere in compagnia, riportare questa bevanda al centro della tavola. Il nostro territorio offre vini perfettamente adatti a questa interpretazione, come il Tai Rosso, il vino del convivio”.

Già lo scorso anno il Consorzio Colli Berici e Vicenza aveva lanciato l’iniziativa “Cercasi Mario, il consumatore medio”. Quest’anno rinsalda il filo diretto con i consumatori attraverso il Mario-raduno previsto per domenica pomeriggio alle ore 16. Sono invitati tutti coloro che si sentono un “Mario del vino”: gli amanti del nettare di bacco che non si riconoscono nelle descrizioni roboanti dei guru televisivi, né nelle analisi tediose degli enologici griffati.

Per facilitare l’accesso anche dei non addetti ai lavori, il Consorzio metterà in palio tre biglietti d’ingresso alla fiera sulla propria pagina Facebook (www.facebook.com/consorzio.collibericivicenza)

Tutti i Mario che presteranno giuramento, intingendo il dito pollice nel vino, riceveranno la Mario-card ed entreranno di diritto nella giuria popolare della Rassegna Enologica Le Vigne del Palladio che si terrà il prossimo 11 mai. Un concorso che non vedrà giudicare i vini con schede e punteggi, ma semplicemente per la loro piacevolezza.

Oltre al Mario-raduno la presenza a Vinitaly del Consorzio Colli Berici e Vicenza sarà segnata da altri tre eventi: lunedì pomeriggio un concerto abbinato alla degustazione dei vini Vicenza DOC; martedì pomeriggio il Gioco del Tai, alla scoperta del Tai Rosso dei Colli Berici e mercoledì la Degustazione 3D con cui la blogger Maria Grazia Melegari porterà a scoprire materialmente le sensazioni olfattive di Merlot e Cabernet dei Colli Berici.

Altre informazioni sul sito: www.bevidoc.it

 
0

Pas encore de commentaires.

Qu'en penses-tu?

Votre adresse email ne sera pas publié. Les champs obligatoires sont marqués *