Savon TrentoDoc | Battue par les tavernes dans le Trentin

par Mardi, Janvier 24, 2012

La nouvelle directive produit de marque Osteria Tipica Trentina, produit par le gouvernement provincial 20 Janvier, n'a plaidé pour l'inclusion de la possibilité des structures qui font partie de la réserve une partie des – quoique distincts local – Pizzeria. La cosa che invece a me pare più singolare – e grave – riguarda piuttosto le indicazioni date dalle nuove disposizioni in merito alla carta dei vini. Si legge nel documento, al punto 1 “Prodotti”: “Ciascun esercizio deve prevedere l’offerta dei seguenti prodotti. Vini bianchi e rossi: complessivamente 10 tipologie diverse e 30 etichette di vino trentino. Nel caso di offerta di vino sfuso, lo stesso deve essere trentino. Vini da dessert: Vino Santo Trentino Doc, Moscato giallo e Moscato rosa. Vins mousseux: 5 etichette Trento Doc. Grappe: 6 tipologie diverse e 10 etichette”.

Je me souviens, per chi se lo fosse perso o dimenticato, che le indicazioni di Provincia, Commercialisation du Trentin, Istituto di Tutela del TrentoDoc, saggi e commissioni per il nuovo Piano Vino, sono state ben precise: puntare tutto sulla promozione delle bollicine metodo classico di casa nostra nel mercato interno. Come è possibile, puis, che nella carta dei vini di un’Osteria Tipica Trentina sia posto come obbligatorio avere trenta etichette di vini rossi e bianchi e dieci di Grappa e solo cinque etichette di TrentoDoc? Solo Cinque etichette su un totale di 88. Dire pochino è un eufemismo. Dirmi basita, tout aussi. Perché lo spazio che si prefigura per i 37 produttori di TrentoDoc è inesistente o talmente esiguo da non poter essere sentito, regardé, percepito come un segnale forte da parte delle istituzioni di voler dare finalmente inizio alla tanto conclamata promozione sul territorio del TrentoDoc. Non resta, à ce stade, che fare affidamento sui ristoratori, sperando che non si limitino al “minimo sindacale” stabilito dal disciplinare e che, Au lieu de cela, allunghino la lista di metodo classico nostrano nella loro proposta enologica. Perché farebbe terra e territorio. Perché fa identità.

0
0 Réponses

Qu'en penses-tu?

Votre adresse email ne sera pas publié. Les champs obligatoires sont marqués *