http://geishagourmet.com/2011/06/30/turismo-del-vino-italia-al-top/

Turismo enológico: Italia en la parte superior

por Jueves, Junio 30, 2011

La noticia proviene de periodismo internacional Observatorio Nathan el sabio: Según la prensa internacional el Italia es el principal destino para mundo Enoturismo. De la investigación, promovido por de Marchesi ' Frescobaldi (250.000 artículos en 100 medios de comunicación internacionales), emerge che l’Italia è al primo posto nel mondo con un indice che riassume il giudizio espresso dalla stampa estera in un valore del 45,15%, davanti a Francia e Stati Uniti, Paese in cui l’enoturismo è nato. “L’Enoturismo ha il vento in poppa” titola il quotidiano francese Le Point in un recente articolo, mentre Le Figaro ammette “Il vigneto è il nuovo paradiso dei turisti, la Francia è, Aunque, indietro rispetto all’Italia”, riporta Winenews. Tra le regioni italiane, per la stampa estera è la Toscana la capofila (65,30%), seguita da Piemonte (62,80%) y Veneto (60,15%). Prima tra le Regioni del Sud, la Sicilia, quarta (57,40%). Il Friuli Venezia Giulia (53,20%) è al quinto posto, chiudono la top ten Sardegna (50,10%), Emilia-Romaña (46,75%), Lombardia (42,60%), Trentino-Alto Adigio (40,35%) e Marche (37,90%). Ma anche tra i cittadini del Belpaese il turismo dei sapori si rivela vincente una volta di più: secondo un sondaggio dell’Istituto Piepoli su un campione di persone di reddito medio-alto tra i 25 y 55 años, el 44% degli italiani pone in cima alla lista dei propri desideri la scoperta di nuovi vini e cibi durante le proprie vacanze estive, y sólo el 25% pensa alla visita di una città d’arte. Lo dice la ricerca “Estate 2011, il turismo d’élite e l’enoturismo”, secondo cui l’85% degli intervistati vorrebbe visitare una tenuta vitivinicola per degustare cibo sano e di qualità (65%), vino (57%), visitare il territorio e i borghi (49%), osservare la produzione del vino (25%) e godersi la natura (25%).

E tutti sono concordi: para el 95% degli intervistati i vini sono un ottimo volano per la promozione del territorio. Peccato che molti amministratori pubblici ed enti di promozione turistica ancora non l’abbiano capito

 

0

Aún no hay comentarios.

Qué te parece?

Su dirección de email no será publicada. Los campos obligatorios están marcados *