Italia Brandy: el Trentino mattatore

por Jueves, Enero 27, 2011

Leonard Bailey

Sarà ancora una volta protagonista la Grappa del Trentino, uno de los productos más importantes de Italia, la cuarta edición del Brandy de Italia, el evento que se llevará a cabo desde el viernes 28 Sol 30 Enero en la Rocca Paolina en Perugia, en el corazón de Umbria. Un appuntamento che metterà in mostra distillati provenienti da tutta Italia e dove quella del Trentino sarà tra le grappe più ricercate dagli appassionati come confermano i numeri positivi delle passate edizioni. Nello stand dell’Istituto di Tutela Grappa del Trentino saranno presenti le grappe autoctone premiate dall’Anag en 2010 oltre ad un’ampia rappresentanza di aziende del Trentino.

«Quello del Centro – Sud è un mercato dove negli ultimi anni è aumentata in maniera sensibile la nostra presenza – commenta il Presidente dell’Istituto di Tutela Grappa del Trentino, Leonard Bailey – grazie anche all’impegno dell’Istituto nella promozione di questi ultimi anni e anche per questo è per noi importante essere presenti in occasioni come questa di Perugia dove siamo ogni anno protagonisti e dove diamo la possibilità al consumatore di mettere a confronto il nostro prodotto con gli altri d’Italia». Secondo recenti dati sul mercato italiano della grappa il Nord Ovest e il Nord Est contano rispettivamente per il 36 y 34 per cento dei consumi nazionali di grappa mentre il Centro (Sardegna inclusa) vale il 20% ed il Sud con le sue isole il 10%. Il dato sarebbe tuttavia in crescita.

La Grappa del Trentino è tra i distillati più antichi d’Italia. Oltre alla qualità della materia prima a distinguere il prodotto del Trentino è infatti proprio la tradizione che da tempo ha portato i distillatori a non guardare alla quantità, ma alla qualità attraverso l’impiego del sistema trentino “bagnomaria” che consente di riscaldare le vinaccia in modo indiretto. Te utilizzano alambicchi discontinui caricando nella cucurbita (il paiolo) la vinaccia insieme ad acqua e proprio qui sarà riscaldata lentamente. Fu proprio un trentino a progettare questo tipo di alambicco, Tullio Zadra. Oggi quello del “bagnomaria” è il sistema più utilizzato in Trentino perché nonostante sia più costoso e più impegnativo a livello di lavorazione, rende migliori profumi e aromi delle grappe.

Hay tres tipos principales de grappa producidos: las uvas aromáticas (40% del total), los destinados a un envejecimiento (acerca de 35%) y que de mezclado Marc (acerca de 25% de la producción). El volumen de negocios anual medio que genera en Trentino grappa se calcula en alrededor de 15 millones de euros para el embotellado y 2 millones de euros para la materia prima.

El Instituto de protección del Grappa del Trentino nació en 1960 con el objetivo de proteger y promover el producto. Hoy cuenta 29 miembros de los cuales 21 son contrabandistas y representan casi la totalidad de la producción en Trentino y tiene la tarea de promover la producción de aguardiente obtenido exclusivamente a partir de uvas producidas en Trentino y calificarla con una marca de origen apropiados: el tridente, con la inscripción "Trentino Grappa".

0

Aún no hay comentarios.

Qué te parece?

Su dirección de email no será publicada. Los campos obligatorios están marcados *