Bureau du Champagne: data 2016

by Sunday, March 19, 2017

In 2016 il mercato mondiale dello Champagne conferma lo sviluppo a valore della filiera, grazie al ruolo dei consumatori orientati verso il segmento più alto della gamma e al peso più importante dei nuovi poli di crescita all’export.

Vediamo i dati ufficiali divulgati oggi dal Bureau du Champagne.

Malgrado una leggera flessione dei volumi (-2,1%) legata a un mercato francese debole e alla rapida svalutazione della sterlina, il giro d’affari 2016 costituisce il secondo miglior risultato di sempre (4,71 billion euro) dopo quello realizzato nel 2015 (4,74 billion euro).

A valore, i mercati storici dello Champagne proseguono la loro crescita dinamica, tanto nei Paesi terzi (United States: +4,9%, Japan: +3%) quanto in Europa (Germany: +3,4%, Netherlands: +6,3%). L’Europa meridionale conferma la sua ripresa (Spain: +1,3%, Italy: +6,4%) e i Paesi del Nord Europa nel loro insieme (Sweden, Denmark, Finlandia e Norvegia) crescono del 3,5%.

In più continenti numerosi Paesi confermano il loro ruolo di snodi della crescita: America (Canada: +9,4%, Mexico: +12%); Africa (Sudafrica: +15,1%), Oceania (New Zealand: +25,4%) e Asia (South Korea: +14,2%); China, Hong-Kong e Taiwan mantengono un forte potenziale.

Nella maggior parte dei Paesi, si conferma quindi il modello di crescita dello Champagne trainato dall’export e dalla diversificazione delle cuvée. In 2016, le esportazioni di Champagne rosè sono cresciute dell’8,6% e le cuvée speciali del 4,6%, segno che i consumatori di Champagne si orientano sempre di più verso bottiglie rare e prestigiose.

0

No Comments Yet.

What do you think?

Your email address will not be published. Required fields are marked *