Euromonitor: vino rosso campione di crescita fino al 2020

by Tuesday, January 31, 2017

Le vendite nel mercato mondiale del vino continueranno a registrare performance ampiamente positive.

È quanto emerge dal report realizzato dal Centro studi e Ufficio Internazionalizzazione di Confcooperative su elaborazione dati Euromonitor.

Complessivamente, nel periodo 2015/2020, for le vendite mondiali di vino rosso si prevede una crescita del 17,7% dei volumi di vendita (+10,4% l’incremento in valore). Positive anche le stime per il vino rosé (+9,3% in volumes and +10,9% in value) e per il vino bianco (+11,2% in volumes and 11,8% in value) e i vini frizzanti (+15,4 in volumes and +16,9% in value).

Un dato in controtendenza rispetto a quantopredicatoper anni dai guru del vino, che avevano suonato il Requiem per i vini rossi di tutto il mondo. E invece, watch case, non è affatto così.

Continueranno a crescere, in particular, i volumi di vendite di vino nel mercato statunitense, dove si stimano performance ampiamente positive per le vendite di bollicine con un aumento del 24,6% of sales. Positivi anche i trend stimati per le vendite di vino rosso (+7,1%) e bianco (+9,9%).

Spostando l’attenzione sul mercato cinese, gli incrementi maggiori sono previsti per i vini rossi, dove i dati Euromonitor prevedono per i prossimi 5 anni un incremento in volume dell’82,4% e del 55,9% in value. Well, Anyway, anche il vino bianco (+34,2% in volumi) e il vino rosè (+34,2% in volumi).

Ricordiamo che l’Italia, con una produzione totale di 50,2 millions of hectolitres, anche quest’anno ha superato la Francia, la cui vendemmia si è attestata intorno ai 43,2 millions of hectolitres, con una produzione inferiore del 10% rispetto alla vendemmia 2015 and of the -6% rispetto alla media degli ultimi cinque anni. Complessivamente la vendemmia 2016, secondo i dati OIV, si è attestata sui 259,5 million hectolitres of wine, con il raccolto quantitativamente più scarso degli ultimi 20 years.

Il report completo lo potete trovare QUI.

0

No Comments Yet.

What do you think?

Your email address will not be published. Required fields are marked *