http://geishagourmet.com/2013/10/16/dopo-il-vino-gargona-lancia-anche-il-formaggio/

After the wine, Gargona also launches the cheese

by Wednesday, October 16, 2013

Foto formaggi Gorgona

After the white wine produced in cooperation with the inmates of the island, It is up to conquer the demanding cheese expert palates and lovers. A limited production, only 200 Forms, However, yields only by skilful hands of a master cheese techniques as Alberto Marcomini, that has made available all its experience to teach the art of quality cheese. AND’ This new milestone for Frescobaldi project for Gorgona, a social project funded by Fines Cash Department of Penitentiary Administration and implemented through a partnership between the management of home imprisonment of Gorgona, to 20 miles from the coast of Livorno and the Tuscan wine company 700 years of history.

From October the cheeses of Gorgona will be able to find a place of honor on the plates of some of the best restaurants in Italy. Primarily the Enoteca Pinchorri, project partners and of the Frescobaldi Wine Bar and Restaurant, among the best known and most prestigious in the world. A rendere ancora più unico il prodotto sarà il pack ideato dallo Studio Doni e Associati che ha anche realizzato l’etichetta del vino Gorgona.

 

Due le tipologie di formaggio prodotte a Gorgona: entrambe a latte crudo, con latte vaccino, ovino e caprino. Il primo di forma quadrata è insaporito da mirto e rosmarino raccolti sull’isola, essiccati e tritati che danno un gusto aromatico e inconfondibile al formaggio; il secondo di forma rotonda è invece lavato nel vino Gorgona. Entrambi realizzati con latte munto a 35°, trasformato con caglio senza fermenti o tecnologia, insaporito con i sapori e i gusti locali.

 

“L’idea è quella di produrre un formaggio a km 0, esaltando le materie prime di un territorio unico e seguendo le tecniche casearie più antiche e tradizionali” – sottolinea Alberto Marcomini . L’obiettivo è insegnare i segreti dell’attività casearia ai detenuti per dare loro l’opportunità di imparare un mestiere”.

“Sono contento di aver coinvolto tra i partner di questo progetto un nome come Alberto Marcomini che ho contagiato con il mio entusiasmo – afferma Lamberto Frescobaldi, presidente dell’omonima azienda toscana -. Sono convinto che i formaggi di Gorgona potranno conquistare il cuore di molti consumatori così come il vino e far conoscere al mondo un’isola incontaminata e selvaggia, l’unica rimasta in Italia, un modello da imitare per il recupero e il reinserimento sociale dei detenuti”.

Foto Marchese de' Frescobaldi con il vino e alcuni detenuti

0

No Comments Yet.

What do you think?

Your email address will not be published. Required fields are marked *