Der Champagner wird Skulptur mit VEUVE CLICQUOT Turm

von Montag, April 13, 2015

Im Einklang mit seinen gewagten Geist bei der Suche nach neuen Blickwinkeln und Kreuz-Sprachen, La Maison erworben hat, in den Jahren, die Fähigkeit zur Kommunikation in unterschiedlichen kulturellen Kontexten. Die erhabensten dieser Ausdrücke ist das Design.

Quest’anno il design si fa portavoce di un omaggio al patrimonio storico della Maison e ai simboli della tradizione Veuve Clicquot.

VEUVE CLICQUOT TOWER sorgerà nel cortile d’onore del ‘600 dell’Università degli Studi, palcoscenico della Mostra Evento del mensile INTERNI “Energy for Creativity” (13 April – 24 Mai), con installazioni che nutriranno la mente e la creatività, in sinergia con il tema di Expo Milano 2015.

«Ancora una volta la Milano Design Week è l’occasione per esprimere appieno l’identità elegante e ‘frizzante’ di Veuve Clicquotafferma Francesca Terragni, Brand Director Italia Veuve Clicquot -. Il Design, ovvero l’ispirazione creativa e creatrice, è nel DNA della Maison. Un mondo ricco di emozioni, Neugier, idee, Formulare, lungimiranza. Veuve Clicquot Tower vi farà scoprire che la storia, la creatività, lo stile si possono sorseggiare. Un sorso che diventa memoria, viaggio, fantasia».

VEUVE CLICQUOT TOWER è una scultura ideata da Luca Trazzi, designer e socio fondatore di www.designboom.com.

E’ una “time capsule” che interpreta e reinventa liberamente il design della bottiglia di Champagne e che racchiude, nella struttura dall’inconfondibile colore Giallo Clicquot, il sogno di una donna innovativa e i simboli del patrimonio della Maison:

  • Hôtel du Marc a Reims, quintessenza dell’art de vivre à la française, aperto unicamente agli ospiti invitati da Veuve Clicquot per scoprire le Cuvée e la storia della Maison;
  • le cantine di gesso, un inestimabile retaggio realizzato fra l’era gallo-romana e il XVIII secolo. 24 km nel sottosuolo della Champagne, un viaggio nel cuore e nell’anima della Maison;
  • l’ancora, simbolo di speranza di origine cristiana, scelta da Philippe Clicquot, fondatore della Maison, come marchio per il tappo, unico segno distintivo prima della comparsa delle etichette. Un augurio di prosperità per la giovane azienda come dimostra la spedizione a San Pietroburgo nel 1814: Madame Clicquot, con coraggio e audacia, sfidò il blocco continentale e riuscì a far arrivare i suoi vini in Russia, un successo trionfale;
  • la cometa, o meglio l’anno della cometa, die 1811, quando una cometa attraversò il cielo della Champagne, presagio di un raccolto eccellente. Madame Clicquot ne ricavò un Millesimato eccezionale, il Vino della Cometa, che portò la sua fama oltre le frontiere, stabilendo la reputazione d’eccellenza della Maison;
  • l’audace arte della caraffa, adottata unicamente da Veuve Clicquot tra tutte le Maison de Champagne.

 

Veuve Clicquot infatti scaraffa il suo Demi-Sec, Champagne ideale da consumare al momento del dessert.

Il vino è versato in una caraffa qualche minuto prima di essere servito; in una caraffa, e non decantato, in quanto lo Champagne è già limpido e non esistono sedimenti da eliminare. In questo modo si mette in risalto la sua splendida tonalità dorata.

Questo cerimoniale è un omaggio a Madame Clicquot: prima che Madame Clicquot inventasse la table de remuage nel 1816, lo Champagne doveva essere decantato per renderlo più chiaro e perfettamente presentabile. In termini sensoriali, versare lo Champagne in una caraffa ne aumenta la rotondità. Togliendo energia alle bollicine, il vino si apre e diventa più ricco, una meravigliosa sensazione con cui rifinire il pasto.

VEUVE CLICQUOT TOWER custodisce, in un’apposita parete retroilluminata posta di fronte all’ingresso, lo Champagne come nell’Atelier de Dégustation dell’Hôtel du Marc e come nelle cave di gesso che, scavate dai Romani a Reims a partire dal IV secolo d.C. e trasformate in cantine, proteggono e accompagnano l’invecchiamento delle bottiglie.

L’installazione è composta da elementi in metallo calandrati che formato la struttura e sostengono all’interno la cupola, che simboleggia le bollicine dello Champagne e le stesse cantine della Maison. Telai realizzati in tondini di metallo avvolgono lo spazio interno creando un gioco di trasparenze.

Quattro lampadari in neon reinventano la cometa simbolo della Maison ispirandosi all’incontro tra due astri: Madame Clicquot e la cometa di Halley, che attraversò il cielo nel 1811 regalando al mondo una delle migliori vendemmie di tutti i tempi. Il risultato è una luce intrigante e seducente, con sprazzi luminosi che ricordano la leggerezza e l’universo dello Champagne. Il tempo e la storia della Maison Veuve Clicquot si incontrano nella magia della luce.

L’accostamento tra nuovo e antico si ripropone nel dialogo tra l’installazione, la Torre Velasca di B.B.P.R., che con i suoi 106 metri di altezza svetta nel panorama cittadino, e il colonnato del Cortile d’onore del ‘600 progettato dall’architetto fiorentino Filarete, dove alla purezza ritmica della successione di archi a tutto sesto dei cortili fa da contraltare l’esuberanza delle decorazioni in cotto.

«Sono rimasto affascinato dalla mia visita a Reims agli archivi di Veuve Clicquot. Ho potuto leggere nei registri, meticolosamente redatti, che la prima spedizione di Champagne venne effettuata a Venezia addirittura nel 1772, poco dopo la fondazione” – dichiara Luca Trazzi. “Ho deciso quindi di rendere omaggio a Madame Clicquot, una donna unica che ha rivoluzionato il mondo dello Champagne, nell’ambito d’espressione più congeniale della Maison, il Design».

Per sei settimane, Von 13 April bis 24 Mai, VEUVE CLICQUOT TOWER rappresenterà l’art de vivre esclusiva e senza tempo di Veuve Clicquot.

VEUVE CLICQUOT TOWER

@ Università degli Studi di Milano

Via Festa del Perdono, 7

13-19 April 10.00-23.00

20 aprile-24 maggio 10.00-22.00

www.veuve-clicquot.com

Veuve Clicquot @VeuveClicquotIT @veuveclicquotitalia

Le foto sono di Claudia Calegari

Veuve Clicquot Tower_credits Claudia Calegari (2)

Audace, determinata, lungimirante e creativa, in 1805 Barbe-Nicole Ponsardin, Madame Clicquot, nur 27 anni prende le redini dell’azienda di famiglia fondata nel 1772 dal suocero e riesce a portare il suo prezioso vino in tutte le corti d’Europa, conquistando un posto d’onore nella storia. Grande successo commerciale dell’epoca, lo Champagne Veuve Clicquot diviene presto un mito, “le vin roi” celebrato da letterati e poeti. Non a caso, Madame Clicquot, creatrice del primo Champagne Millesimato al mondo e della “table de remuage” (l’attuale pupitre), una delle prime donne d’affari della storia, è ricordata come La Grande Dame della Champagne, sempre fedele al suo motto: “Una sola qualità, la migliore”. Motto che continua a rinnovarsi nelle Cuvée elaborate dalla Maison, ognuna resa unica da una nota particolare, adatta a un certo istante e a una certa occasione. Perché lo Champagne Veuve Clicquot nasce, ancora oggi, dal lavoro di uomini e donne uniti dall’amore per la propria terra e dalla volontà di creare un vino espressione dell’art de vivre contemporanea: audace, determinata, lungimirante e creativa. In 1972, anno del bicentenario della Maison, ha preso il via il Premio Veuve Clicquot, per celebrare donne di tutto il mondo che siano espressione della personalità e dei valori di Madame Clicquot. Oggi sono ventisette le nazioni in cui è conferito il Premio, a testimonianza della vocazione all’esportazione di Veuve Clicquot, non solo dei suoi preziosi vini (destinati all’estero nella misura dell’85% della produzione) ma anche dei valori che portano con sé. Die Website www.veuve-clicquot.com è dedicato alla scoperta della storia e dei valori della Maison, nonché della Season Veuve Clicquot, che segna le occasioni culturali, ludiche e sportive che la Maison offre agli estimatori dei suoi prestigiosi Champagne

La Maison Veuve Clicquot Ponsardin appartiene al Gruppo LVMH (Louis Vuitton Moët Hennessy). Moët Hennessy fa parte di The European Forum for Responsible Drinking (EFRD), l’associazione dei principali produttori europei di alcolici, che sostiene iniziative mirate alla promozione di un consumo responsabile di alcool.

0

Noch keine Kommentare.

Was denkst du?

Ihre e-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Pflichtfelder sind markiert *