http://geishagourmet.com/2012/10/01/guida-identita-golose-2013/

Anleitung “Identità golose” 2013

von Montag, Oktober 1, 2012

HangarBicocca, l’ingresso

MILAN, 1 Oktober – Bei dem ungewöhnlichen – und passt perfekt – sede dellHangarBicocca si è tenuta stamattina la presentazione di Identità golose 2013, der Autor-Führer für Restaurants unter der Leitung von Paolo Marchi.
Die Veröffentlichung, che prende il titolo dal congresso internazionale di cucina ideato dallo stesso Marchi e realizzato da MAGENTAbureau in Mailand, è giunta alla sesta edizione e fin dalla prima non attribuisce voti, ma intende aprire una finestra sul mondo, là dove la cucina è sperimentazione, evoluzione, Leidenschaft, storia.

Identità golose 2013

Le schede dei ristoranti sono precedute da due sezioni speciali: la prima rende onore ai 21 migliori pasticcieri della ristorazione italiana, la secondatutta nuovaseleziona le 20 più interessanti pizzerie del Paese.
La guida ripropone inoltre le Storie di Gola, ovvero luoghi e città raccontati da chi, per piacere o per mestiere, ne conosce i tratti più affascinanti sotto il profilo gastronomico.
Quasi un terzo dei 663 ristoranti segnalati si trova all’estero: grande attenzione è data all’Europa del Nord (con i debutti di Estonia, Finlandia e Norvegia) e all’America latina (mit der new entry del Messico e l’espansione di Brasile e Perù).

Sono inoltre messi in evidenza da specifici simboli i giovani professionisti (della cucina, della sala, della comunicazione) che sono già grandi, pur non avendo superato glianta” und – in qualche caso particolarmente feliceneppure i trent’anni d’età. A undici di loro sono dedicati i premi Le giovani stelle, che elenchiamo di seguito, Vorschau (fast…) assoluta per i lettori di GeishaGourmet.com:

premio Giovane famiglia An Tinari di Villa Maiella a Guardiagrele (CH); Sorpresa dell’anno Silvio Salmoiraghi dellAcquerello di Fagnano Olona (VA); miglior sommelier Mauro Mattei, Piazza Duomo di Alba (CN); miglior maître Alessandro Pipero, Pipero Rex, Rom; miglior chef pasticciere Mario Peqini de Il Luogo di Aimo e Nadia, Milan; premio Birra in Cucina An Christian Milone, Trattoria Zappatori a Pinerolo (TO); miglior sous chef Salvatore La Ragione, Torre del Saracino a Vico Equense (NA); migliore chef donna Antonia Klugmann, L’Argine a Dolegna del Collio (GO); miglior chef Antonino Cannavacciuolo von Villa Crespi a Orta San Giulio (Nein); miglior chef straniero Daniel Humm, Eleven Madison Park, New York. Il miglior giornalista è Federico De Cesare Viola.

Identità golose 2013, Il Castello editore, Cornaredo (MI), 832 Seiten, € 19,00.

0

Noch keine Kommentare.

Was denkst du?

Ihre e-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Pflichtfelder sind markiert *