Cantine Riunite & Civ: fatturato a +29%

Il 23 gennaio l’assemblea generale di Cantine Riunite & Civ ha approvato il bilancio  chiuso al 31 luglio 2011. La cooperativa, frutto della fusione avvenuta nel 2008 tra Cantine Riunite di Reggio Emilia e Civ&Civ di Modena e che conta più di 2mila soci produttori di uve e 15 cantine associate in Emilia-Romagna e Veneto, ha chiuso l’esercizio con ricavi complessivi per 179,5 milioni di euro, ovvero + 29% rispetto al 2010. Tra i dati più significativi del bilancio della cooperativa si evidenzia un patrimonio netto di 130,8 milioni di euro, pari al 44,3 % delle fonti, un EBITDA del 9,1%, con un margine operativo di 10,3 milioni, ed un cash-flow di 9,6 milioni. L’assemblea ha inoltre rinnovato il consiglio di amministrazione con la conferma di Corrado Casoli in qualità di presidente e di Rolando Chiossi come vice .


Cantine Riunite & Civ si conferma leader nel segmento del Lambrusco e del Pignoletto, nonché del Prosecco e dei vini frizzanti veneti grazie alle Cantine Maschio di Treviso.Un importante contributo a questo risultato proviene dall’export che, con il 40% del totale delle vendite, interessa oltre sessanta Paesi nel mondo. In Italia, malgrado la generale flessione dei consumi, il Gruppo continua a crescere, in modo particolare con i prodotti delle Cantine Maschio. Il risultato di esercizio consente quindi una buona remunerazione per i viticoltori che nella vendemmia 2010 avevano conferito 777mila quintali di uve, per le quali viene riconosciuto un prezzo medio di riparto superiore ai 40 euro per quintale.

Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: