Alla scoperta delle tre star-cultivar dell’olio italiano con i 3 nuovi evo di Frantoio del Poggiolo Monini

Il progetto è ambizioso e parte da tre cultivarFrantoio, Coratina e Nocellara – che sono tra le più diffuse in Italia, ma in pochi conoscono realmente il gusto, le proprietà e le caratteristiche di questi frutti che sono alla base di uno degli ’alimenti simbolo  del nostro Paese: l’olio extra vergine di oliva (evo).

Da oggi, invece, è possibile scoprire queste tre varietà e le intriganti sfumature di gusto che le differenziano l’una dall’altra, imparando e giocando con il nuova linea di Frantoio del Poggiolo creata dalla quasi centenaria  passione di Monini per l’olio evo di qualità: tre  bottiglie numerate da 500ml, 100% biologiche certificate, 100% da olive italiane, confezionate in vetro rigorosamente scuro per ridurre l’esposizione ai raggi solari  e con sigillo di garanzia (un pack che ha già fatto vincere ai tre EVO Monocultivar il “Premio Speciale Linea Commerciale” al concorso “Le forme dell’Olio 2018”, che verrà consegnato all’azienda il 2 febbraio a Milano nel corso di Olio Officina Festival).

Il risultato è un viaggio nella cultura dell’olio extra vergine di oliva così spesso assente in un Paese che è ai primi posti nel mondo per il suo consumo. Una cultura analoga a quella del vino, dove vitigno, territorio e metodi di produzione sono parte integrante della conoscenza di ciò che ritroviamo in bottiglia. Proprio come per il vino, infatti, ognuna di queste cultivar possiede specifici caratteri morfologici, fisiologici e agronomici che si traducono in un gusto riconoscibile e in un utilizzo specifico in cucina.

E allora entriamo nel dettaglio:

FRANTOIO. Originaria della Toscana, il Frantoio è una delle cultivar di olivo più uniformemente diffuse dal nord al sud dell’Italia e ultimamente la si può trovare anche in diversi Paesi esteri, a conferma del suo grande successo di gusto. Aromi caratteristici: mandorla acerba ed erbe falciate, oltre che note di carciofo e cardo. Gusto: in bocca risulta elegante, amaro e piccante medio e persistente. Abbinamenti consigliati: la classica bruschetta umbra; piatti di carne rossa, sia alla brace sia cruda; tonno e pesce spada, sia alla brace sia crudi; verdure dal sapore intenso; formaggi di media stagionatura.

NOCELLARA. Originaria della Sicilia, la Nocellara è una delle cultivar di olivo più caratteristiche del sud dell’Italia ma visto il suo gradimento di gusto, la sua coltivazione sta prendendo piede anche all’estero. Aromi caratteristici: foglia di pomodoro verde, erbe falciate, sentori di menta e mandorla dolce. Gusto: in bocca risulta freschissimo, con leggerissime note amare e piccanti. Abbinamenti consigliati: carni bianche; tutti i tipi di pesce cotti e crudi; formaggi freschi, insalate dal gusto delicato.

CORATINA (la mia preferita). Originaria della città di Corato in Puglia, la Coratina è una delle cultivar di olivo oggi più coltivata in Italia. Aromi caratteristici: rucola e mandorla verde, aromi floreali. Gusto: in bocca risulta fresco e vegetale con persistenti e forti note amare e piccanti. Abbinamenti consigliati: tartare di Chianina o Angus; ribollita e zuppe di vario genere; formaggi stagionati; frutti di mare e caripacci di pesce; carciofi alla romana.

Al Frantoio del Poggiolo Monini – un centro polifunzionale per lo sviluppo e lo studio dell’evo (da un lato laboratorio per la ricerca della qualità superiore e la valorizzazione dell’extravergine, dall’altro centro per la divulgazione della sua conoscenza) situato appena fuori da quella Spoleto che ha visto l’azienda nascere 98 anni fa – arrivano solo olive di Frantoio, Nocellara e Coratina al giusto grado di maturazione, definito grazie a moderne tecniche di analisi che permettono di definirne il giusto equilibrio tra fenoli, zuccheri e olio. Da qui le più moderne tecnologie disponibili fanno sì che i monocultivar arrivino sulle tavole nostre con la loro fragranza e gli effetti benefici per la salute intatti. Non solo. I tre nuovi EVO Frantoio del Poggiolo Monini sono realizzati partendo da un “disciplinare” condiviso con le aziende agricole: una serie di regole con indicazioni precise per chi lavora la terra su come curare il terreno, la pianta e i suoi frutti che vengono costantemente seguiti e analizzati per individuare il momento ottimale della raccolta.

Un prodotto eccellente al palato, dagli alti valori nutrizionali e disponibile a prezzi accessibile (prezzo consigliato al pubblico € 9,90) anche sullo scaffale dei supermercati.

Ho avuto la possibilità di assaggiare in anteprima i 3 prodotti di questo nuovo progetto, in occasione dell’ultima puntata della prima stagione di Wine Passport, che potete vedere qui sotto, assieme ad alcune foto di backstage, scattate proprio al Frantoio del Poggiolo 🙂

 

 

Tag:, , , , , , , ,
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: