Pranzo della domenica a 2 Stelle e 100 euro, si può

by lunedì, febbraio 5, 2018

Uno dei capisaldi della filosofia di Lionello Cera è che “la semplicità è il concetto più difficile da interpretare”.

Il suo ristorante da poco ha spento 50 candeline e di strada ne ha fatta, passando da osteria di campagna a uno dei migliori ristoranti di pesce d’Italia: il migliore, secondo molti, uno degli indirizzi must have, secondo me. Perché Da Cera fissi dei parametri con cui rapportare grandi classici della cucina di mare: prendi il fritto ad esempio, quello di Lionello è assoluto, il fritto di pesce perfetto, impossibile non capire la differenza. E certo, la tua soddisfazione culinaria non sarà più la stessa, capita sempre così quando l’asticella si alza, con il cibo, con il vino e con l’amore.

Ma non sono qui per fare critica gastronomica bensì per raccontarvi che pranzare a 100 euro in un ristorante da due Stelle Michelin si può. Lionello Cera ce lo dimostra. Vi riporto pari pari quello che trovate sul sito del locale e che io ho provato un paio di settimane fa assieme ad alcuni amici.

La proposta si chiama “Domenica in famiglia” ed è un menu esclusivo e completo servito solo la domenica, con tutta la qualità e la raffinatezza della cucina di Antica Osteria Cera.

Il menu prevede:

• I “colori del mare” oppure Insalata di mare con crema di patate e basilico (noi abbiamo ricevuto “i colori del mare” che per intenderci è il mitico piatto di crudi di Lionello)

• “Cicheto fritto” (ovvero un’abbondante frittura mista di cui sopra)

• Risotto ai frutti di mare

• Catalana di crostacei e verdure fresche

• Sorbetto con piccola pasticceria

• La Millefoglie

• Vino: Prosecco Valdobbiadene oppure un bianco fermo

• Caffè e minerali                                                                                                                                                                               € 100,00

Questo menu viene servito solo la domenica, deve essere uguale per l’intero tavolo e prenotato anticipatamente.

Ecco. Io, dopo aver fatto l’esperienza, aver visto portare in tavola un signor menu, un servizio impeccabile e il locale pieno, ho solo una piccola domanda che mi sorge spontanea: perché altri colleghi ristoratori non seguono questo esempio?

Se già c’è chi lo fa, ce lo segnali, perché di esperienze così ce n’è di bisogno.

Qui di seguito le foto del mio pranzo da Cera. I vini che vedete e che abbiamo scelto noi, naturalmente, sono extra, inclusi sono solo quelli indicati e scelti dal sommelier.

0

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: