Verticale di Cicinis di Attems

by lunedì, aprile 10, 2017

In Friuli c’è un detto: “quando l’uva è buona, il vino viene da solo”.

Se poi si aggiungono l’esperienza dell’uomo, la passione e terreni particolarmente vocati, il risultato non può che essere un gran bel vino. È il caso di Cicinis Collio Sauvignon Blanc di Attems, cantina fondata dal conte Douglas Attems a cui si deve anche la nascita, nel 1964, del Consorzio dei vini del Collio, di cui fu presidente fino al 1999.

Dal 2000 Attems è di proprietà dei Frescobaldi e al timone enologico c’è il giovane Daniele Vuerich (nella foto qui sopra) che per affinare il Cicinis, punta di diamante della cantina, usa barrique in rovere francese e delle speciali botti in cemento e argilla a forma di uovo.


La verticale di Cicinis a cui ho partecipato qualche giorno fa da Peck a Milano ha mostrato un vino in grande evoluzione. Delle annate degustate (2015,2014,2013,2012,2011) le mie preferite sono state sicuramente la 2015 per la sua espressione esotica e calda e la 2013 per la commistione tra mineralità e sentori di mango papaya ananas e fiori bianchi. Cremosa la 2011, minerale la 2014, decisamente più scarico rispetto alle altre annate il 2012.

Cosa significa Cicinis? È un toponimo della zona. Un nome particolare per un vino altrettanto originale, complesso, di grande eleganza e perfetto equilibrio.

I prezzi di questo vino partono dai 15 euro circa in enoteca.

1

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *