Vino Italia: +5% nel 2015

by lunedì, febbraio 22, 2016

«Il 2015 si prospetta un anno da record per l’export del vino italiano che, da gennaio a novembre, vale 4,9 miliardi di euro, il 5% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Se tale risultato verrà confermato dai dati di dicembre, chiuderemo l’anno con 5,4 miliardi di euro, confermando di fatto le previsioni dell’Osservatorio del Vino dei mesi scorsi. A trainare sono ancora i vini spumanti per un valore di 874 milioni di euro (+15%) e circa 2,5 milioni di ettolitri (+13%). Il Prosecco guida questa domanda con un incremento del 28% a volume e del 29% a valore. Sempre più, quindi, la qualità italiana riesce conquistare i mercati stranieri, proponendo prodotti unici ormai riconosciuti come insostituibili ambasciatori del miglior made in Italy». Con queste parole Domenico Zonin, presidente dell’Osservatorio del Vino – commenta i dati Istat elaborati da Ismea, partner dell’Osservatorio, relativamente all’export del vino nei primi 11 mesi del 2015.

«Da questi risultati – aggiunge Zonin – confrontati con i dati Istat sul comparto agroalimentare che ha chiuso il 2015 con introiti da export pari a 36,85 miliardi di euro (+7,3%), emerge chiaramente come il vino, con una quota pari al 14,5% di tale sistema, ne rappresenti sempre più un settore molto significativo. Anche per questo motivo il lavoro dell’Osservatorio del Vino sarà strategico per monitorare le performances del nostro comparto rispetto al complesso dei prodotti agroalimentari, fornendo nuovi spunti su cui programmare le future politiche commerciali e stimolando un dialogo istituzionale più efficace con l’obiettivo di avere risposte concrete e tempestive rispetto alle esigenze di un settore complesso in continua evoluzione come il nostro».

UIV_Domenico Zonin FOTO SU BOTTI

Vini e mosti nel complesso fanno rilevare ottime performance nelle esportazioni di questi 11 mesi 2015. In primis, gli Stati Uniti confermano la fiducia verso il nostro vino, con un incremento in valore di oltre 13% per un corrispettivo che sfiora 1,2 miliardi di euro, e oltre il 6% anche in volume (quasi 3 milioni di ettolitri). Per il Regno Unito l’export vale 670 milioni di euro (+11%) mentre la Germania fa registrare un -6% in volume e un -0,8 in valore. Buone notizie, invece dall’estremo oriente dove sia in Giappone sia in Cina il vino italiano cresce rispettivamente in valore del 2% e del 18%. Per quanto riguarda l’export dei vini spumanti, la domanda è guidata dal Regno Unito con incrementi di 41% in volume e 44% in valore (oltre 230 milioni di euro), ma anche per gli Stati Uniti sono da sottolineare il +23% a volume e il +26% a valore, per corrispettivi di circa 180 milioni di euro. Bene anche i Paesi Bassi e la Norvegia che fanno rilevare una crescita in valore rispettivamente del 35% e del 21%.

L’import dei primi undici mesi del 2015 tocca 2,6 milioni di ettolitri (+3,7%) per un corrispettivo di poco superiore a 300 milioni di euro (+9,3%). Le importazioni italiane sono concentrate sullo sfuso che, con 2,2 milioni di ettolitri, fa segnare il +8% su base annua e una supremazia ormai consolidata della Spagna tra i fornitori. Nei primi 11 mesi del 2015 sono stati importati dal Paese iberico 1,6 milioni di ettolitri di vino sfuso (+10%).

Principali Paesi clienti italiani di vini e mosti

  Ettolitri Migliaia di euro
  Gen-Nov 2014 Gen-Nov 2015 Var.% Gen-Nov 2014 Gen-Nov 2015 Var.%
Stati Uniti 2.749.591 2.919.326 6,2% 1.034.502 1.172.303 13,3%
Germania 5.436.562 5.113.985 -5,9% 887.039 880.310 -0,8%
Regno Unito 2.721.852 2.926.065 7,5% 601.958 669.497 11,2%
Svizzera 647.289 627.464 -3,1% 289.638 291.727 0,7%
Canada 630.271 645.880 2,5% 253.078 276.255 9,2%
Giappone 396.526 397.480 0,2% 141.116 144.021 2,1%
Svezia 443.525 432.997 -2,4% 133.379 138.833 4,1%
Danimarca 385.860 374.698 -2,9% 130.310 133.116 2,2%
Francia 791.358 800.722 1,2% 122.881 132.148 7,5%
Paesi Bassi 394.779 393.241 -0,4% 108.705 116.740 7,4%
Belgio 275.534 280.729 1,9% 92.234 98.870 7,2%
Norvegia 238.991 228.246 -4,5% 88.329 88.157 -0,2%
Austria 459.153 410.719 -10,5% 87.567 81.452 -7,0%
Cina 225.935 245.587 8,7% 67.065 79.238 18,2%
Russia 386.463 269.078 -30,4% 95.920 65.494 -31,7%
Australia 85.191 88.977 4,4% 35.352 37.754 6,8%
Spagna 204.651 199.949 -2,3% 36.235 36.639 1,1%
Polonia 149.252 143.117 -4,1% 32.675 33.727 3,2%
Repubblica ceca 275.811 249.213 -9,6% 29.924 30.865 3,1%
Irlanda 110.127 114.952 4,4% 27.700 29.500 6,5%
Finlandia 74.029 72.921 -1,5% 24.989 25.351 1,5%
Lettonia 91.459 75.982 -16,9% 36.469 24.425 -33,0%
Brasile 90.360 80.949 -10,4% 27.503 24.347 -11,5%
Altri 16.486 16.354 -0,8% 16.486 16.354 -0,8%
Mondo 18.733.695 18.364.621 -2,0% 4.677.185 4.915.043 5,1%

*vini comunitari e non comunitari, non ulteriormente classificabili in Dop e Igp

Fonte: Ismea su dati Istat

Principali Paesi clienti italiani di vini spumanti

Ettolitri Migliaia di euro
Gen-Nov 2014 Gen-Nov 2015 Var.% Gen-Nov 2014 Gen-Nov 2015 Var.%
Regno Unito                  531.206                  750.879 41,4%                160.818                232.284 44,4%
Stati Uniti                  383.154                  471.818 23,1%                140.941                177.590 26,0%
Germania                  191.027                  200.809 5,1%                  74.096                  75.880 2,4%
Svizzera                    94.675                    98.782 4,3%                  42.223                  47.047 11,4%
Belgio                    68.992                    75.496 9,4%                  26.319                  29.383 11,6%
Giappone                    63.483                    59.512 -6,3%                  26.836                  27.666 3,1%
Russia                  126.523                    76.501 -39,5%                  37.279                  23.962 -35,7%
Francia                    65.476                    77.171 17,9%                  19.070                  22.687 19,0%
Svezia                    50.003                    59.494 19,0%                  19.532                  22.416 14,8%
Canada                    35.742                    42.556 19,1%                  16.905                  20.175 19,3%
Austria                    60.055                    43.544 -27,5%                  22.880                  17.086 -25,3%
Lettonia                    69.927                    41.709 -40,4%                  29.407                  14.839 -49,5%
Paesi Bassi                    20.741                    19.031 -8,2%                  10.376                  13.984 34,8%
Norvegia                    24.345                    28.218 15,9%                  10.238                  12.354 20,7%
Cina                    47.386                    41.948 -11,5%                  11.342                  11.029 -2,8%
Danimarca                    24.289                    24.322 0,1%                    8.196                    8.732 6,5%
Polonia                    21.669                    26.662 23,0%                    6.504                    8.507 30,8%
Altri                  289.810                  317.042 9,4%                  97.724                108.054 10,6%
Totale            2.168.501            2.455.496 13,2%              760.685              873.673 14,9%

Fonte: Ismea su dati Istat

0

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: