Risotto della principessa, omaggio alla Royal Baby Girl Charlotte Elizabeth Diana d’Inghilterra

by lunedì, maggio 4, 2015

Riso carnaroli, carotine, zucchine, piselli, caprino della Valsassina e maggiorana. Sono questi gli ingredienti scelti da Enrico Derflingher, Presidente di Euro-Toques International – l’unica associazione di chef riconosciuta dalla UE – per celebrare l’arrivo dell’ultima nata in casa Windsor. Lo chef era alle prese con la preparazione del menù per l’inaugurazione di Villa Lario, la nuova location sul lago di Como che si appresta a ospitare membri delle famiglie reali e capi di Stato durante i sei mesi di Expo 2015, quando è stato raggiunto dalla notizia della nascita della Royal Baby Girl.

“E’ stato un segno del destino – commenta lo Chef Derflingher – che la secondogenita di William e Kate venisse al mondo proprio nel giorno scelto per l’inaugurazione del nostro quartier generale per Expo 2015. E’ stato, quindi, per me quasi naturale pensare di dedicare alla principessina il risotto che stavo preparando, come forma di omaggio a una famiglia cui sono legato da molti anni e, soprattutto, per il rapporto che mi lega al Principe William, che ho visto crescere quando ero in servizio a Buckingham Palace e che ha sempre apprezzato la mia cucina”.

Sono passati circa trent’anni dalla nascita del celebre risotto “Queen Victoria”, uno dei piatti che ha reso famoso nel mondo Enrico Derflingher, ideato in occasione dello storico incontro tra Ronald Reagan e Michail Gorbaciov alla fine della guerra fredda e poi replicato in tante occasioni prestigiose, da Buckingham Palace alla Casa Bianca e in giro per il mondo. E, quasi a voler rinnovare il suo legame con la famiglia reale inglese, il presidente di Euro-Toques International punta a deliziare il palato di Reali e Capi di Stato attesi nei prossimi mesi a Mandello del Lario che, così, potranno apprezzare questa e altre portate realizzate con materie prime locali. “Siamo in contatto con personalità come Michelle Obama e Carlo d’Inghilterra e con star internazionali del calibro di Bono Vox, Shakira e George Clooney  – rivela lo chef (nella foto qui sotto) – , e, in vista del loro arrivo a Villa Lario, vorremmo offrire una sintesi delle nostre eccellenze gastronomiche e il massimo dell’ospitalità grazie agli elevatissimi standard di privacy e sicurezza che questa magnifica location può garantire. Mi piacerebbe, infine, coinvolgerli in attività in cucina con i nostri chef stellati provenienti da tutta Europa anche per dimostrare che è possibile ridurre gli sprechi e ottimizzare ingredienti e risorse energetiche, in linea con i valori e la mission di Expo 2015”.

Enrico Derflingher 2

Intanto il “Risotto della Principessa”, che prenderà il nome della secondogenita dei duchi di Cambridge William e Kate, ha fatto il suo esordio a tavola sabato sera, in occasione della cena d’inaugurazione di Villa Lario Euro-Toques, apprezzato dagli oltre 120 ospiti presenti, tra cui Gualtiero Marchesi, presidente onorario di Euro-Toques International e storico fondatore dell’associazione.

Risotto della Principessa

Chef Enrico Derflingher

(Presidente di Euro-Toques International)

 

Ingredienti per 4 persone:

 

– Riso Carnaroli Campo dell’Oste, 300gr.

– Carotine 50gr.

– Zucchine 50gr.

– Piselli 50gr.

– favette 50gr.

– sedano 20 gr.

– Caprino della Valsassina a cubetti 100gr.

– parmigiano 50gr.

– Burro 40gr.

– Maggiorana (una manciata)

– 1 lt di brodo vegetale fatto con gli scarti (pelle e bucce) delle verdure cha abbiamo utilizzato

– Sale q.b.

– Vino bianco (Verdicchio dei castelli di Jesi DOC terre di San Paolo 2013 Piersanti)

 

 

Preparazione:

 

1) Lavare le verdure, tagliarle a dadini e cuocerle assieme in poco burro.

 

2) Unire il riso, sfumare con vino bianco (Verdicchio Castelli di Jesi) salare e, sempre mescolando, aggiungere il brodo un po’ per volta fino a quando il riso sarà cotto al dente.

 

3) A questo punto togliere dal fuoco e si aggiungere il Caprino della Valsassina, una manciata di maggiorana, il Parmigiano Reggiano, un pezzetto di burro e si effettua la mantecatura.

 

4) Lasciare riposare pochi minuti a fuoco spento prima di servire in tavola e guarnire con violette o primule e un po’ di maggiorana.

 

 

 

0

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *