Guida “Identità golose 2015”: riflettori puntati sulle Giovani Stelle

by lunedì, novembre 10, 2014

MILANO, 10 novembre – E’ stata presentata oggi la guida Identità golose curata dal giornalista Paolo Marchi, giunta con l’edizione 2015 all’ottava uscita. Due conferme rispetto all’anno scorso: l’editore (Mondadori Electa) e la guest star, nella persona di Oscar Prezzemolo Farinetti, stavolta ospite al quadrato: l’evento si è tenuto all’Eataly Smeraldo – casa sua, insomma.

Aumentano le schede dei ristoranti – ora poco meno di 700 con nuovi ingressi dalla Russia, dall’Argentina e dal Canada – in una pubblicazione che non dà voti e vuole caratterizzarsi come la guida che leggono gli chef: soprattutto quelli giovani, cui da sempre è dedicata grande attenzione. Nelle pagine di Identità golose, infatti, è dato particolare risalto ai professionisti della ristorazione che non hanno ancora compiuto trenta e quarant’anni.

A loro sono dedicati i premi alle Giovani Stelle, elencati di seguito:

– premio Giovane famiglia a Elia e Matteo Rizzo, Il Desco, Verona;

– premio Birra in Cucina a Fabrizio Ferrari, Al Porticciolo 84, Lecco;

 premio Sorpresa dell’anno Gianluca Gorini, Le Giare, Montiano (FC);

– premio per la migliore carta dei vini e distillati a Walter Meccia, Edoardo Boncinelli e Gabriele Fedeli, Il Palagio del Four Seasons, Firenze;

– miglior sommelier Elisa Bellavia, Cinzia – da Christian e Manuel, Vercelli;

– miglior maître Manuel Miliccia, Piazza Duomo, Alba (CN);

– miglior chef pasticciere Luca De Santi, Al Mercato Ratanà, Milano;

– miglior sous-chef Simone NebbiaS’Apposentu di Casa Puddu, Siddi (VS);

– migliore chef donna Marianna VitaleSUD Ristorante, Quarto (NA);

– miglior chef straniero David ToutainDavid Toutain, Parigi;

– migliore chef Luca Fantin, Bulgari Ginza Tower, Tokyo.

Miglior giornalista è Laura Lazzaroni de L’Uomo Vogue; il ristorante Guido da Costigliole a Santo Stefano Belbo (CN) s’aggiudica il nuovo premio per il miglior cestino del pane.

COVER-GUIDA-IG-2015-337x500

0
2 Responses
  • Geisha Gourmet
    novembre 10, 2014

    Ma sarà vero, Prof, che è la guida che leggono gli chef???

  • Luca Amodeo
    novembre 10, 2014

    Mah, cara la mia Geisha…
    Di sicuro c’è che – dispersi nel centinaio di coautori – ci sono anche i nomi di alcuni chef e titolari di ristoranti. Spero non sia soltanto per confermare l’adagio che in Italia scrivono tutti ma, ahimè, non legge nessuno.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *