http://geishagourmet.com/2013/09/26/borgognamonamour-e-tempo-di-fare-un-salto-in-francia-passando-da-internet/

Borgognamonamour. E’ tempo di fare un salto in Francia, passando da internet

by giovedì, settembre 26, 2013

carte Bourgogne

C’è un sito dove, se siete appassionati di Borgogna, potete trovare davvero tante cose interessanti. E non parlo solo di e-commerce, il che non è poco visto che i wine-hunter oggi fanno largo uso del web, visto la scarsa reperibilità dei vini dei piccoli produttori, che non possono contare su grandi canali commerciali. Ma su Borgognamonamour ci sono anche tante notizie interessanti e Francesco Bisaglia è un appassionato. Leggere qui sotto quello che scriveva ad aprile, quando ha avviato il suo progetto. E fatevi un giro  sul suo sito, e magari un po’ di shopping. Io gli ho già commissionato una selezione di vini di Borgogna per sedurre… Chissà cosa mi manderà! ça va sans dire, sarete i primi a saperlo 😉 !

Oggi nasce ufficialmente il progetto “Borgogna Mon Amour”, dopo una gestazione impegnativa ma appagante; l’obiettivo (e l’auspicio) è quello di aspirare a rappresentare, nel panorama dell’offerta di questa tipologia di prodotto, una proposta strutturata, eterogenea e di contenuto informativo. Voglio, a questo proposito, rivolgere il mio più caloroso benvenuto ai visitatori, sperando che vogliate intraprendere con me un lungo viaggio, che comincia da oggi; un percorso evolutivo che vorrei condividere anche con l’ausilio dei vostri suggerimenti, pareri ed opinioni, che potrete esprimere negli spazi interattivi presenti sul sito. Questa iniziativa nasce dalla fatale attrazione per una regione, la Borgogna, che costituisce una realtà vinicola unica al mondo, per la sua singolare capacità di donare vibrazioni spirituali e, nelle sue massime espressioni, note di puro lirismo a coloro che si accostano e si lasciano travolgere dalla magia dei suoi vini. Questa regione è innegabilmente un punto di approdo (definitivo?) per l’appassionato del mondo enoico; una terra promessa che, nel corso di mille anni di storia, l’uomo ha avuto il pregio di saper prima ascoltare, poi decodificare ed, infine, assecondare, declinando i mille sospiri di suolo e sottosuolo di queste terre. La sedimentazione secolare delle tradizioni, che ha permesso l’affinamento delle metodologie di vinificazione e l’asseverazione dell’unicità pedoclimatica di ciascun climat, mediante l’interpretazione dell’anima di ciascun lembo di queste terre, hanno scolpito il noto concetto di  “esasperazione del terroir”; è proprio questa la variabile che strega l’eno-appassionato, che si impossessa dei suoi sensi, spingendolo alla ricerca, all’approfondimento di questo microcosmo ed, infine, al periodico desiderio di richiamare alla memoria “quella matrice di pinot noir e quell’accezione di chardonnay in purezza”; la magia risiede proprio nelle loro interpretazioni, che rendono i lieu-dits un grande puzzle, in cui ogni appezzamento possiede una storia da raccontarci ed un’accezione gustativa unica e propria, che lo differenzia da quelle del climat immediatamente adiacente; c’è qualcosa di sacrale in tutto questo. Un aspetto mi ha colpito più di altri nella ricognizione di questo mondo: l’efficace connubio tra la rigida tradizione e la nouvelle vague modernista di cui si fa promotrice la nuova generazione di vigneron che si sta affacciando sulla scena; questa efficace fusione denota come i viticoltori di questo eldorado vitivinicolo rifuggano ogni forma di immobilismo, evitando la tentazione di arroccarsi sull’autorevolezza della propria storia: questa è una terra di uomini sempre in vivido fermento, dinamici e lungimiranti, che non dimenticano i dettami delle loro gloriose origini ma che guardano al futuro rilanciando, con coraggio, la propria sfida all’eccellenza.

Una chiosa finale sulla scelta dei vini proposti in vendita: è orientata nella direzione di trovare un equilibrio tra i due estremi accennati, tradizione e modernità, bypassando, almeno per il momento, realtà apicali che hanno scavato un divario economico incolmabile con la media delle aziende della regione: mi riferisco, ovviamente, ai fuoriclasse di Vosne-Romanée (tranne un’incursione, ce la siamo concessa, negli Echèzeaux). Sono certo ci sia una Borgogna per tutti: ho optato per quella accogliente, ospitale, artigiana e rurale, che ben rappresenta l’essenza di questa meravigliosa terra.

Un augurio di una buona navigazione.

0

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: