http://geishagourmet.com/2012/02/28/37mila-euro-di-masseto-da-sothebys-new-york/

37mila euro di Masseto da Sothebys New York

by martedì, febbraio 28, 2012

Il mondo del collezionismo internazionale aspettava questo lotto, protagonista della copertina del catalogo Sothebys. Raro e numerato, solo 8 esemplari prodotti, la quindici litri di Masseto 2007 ha strappato una battitura da 49.000 dollari americani (37.000 Euro), l’equivalente di 1.850 Euro a bottiglia.

“Masseto ha confermato quello che era ampiamente auspicabile viste le richieste degli offerenti provenienti da Asia, Europa e nelle Americhe da subito in forte competizione per vincere questa Nabucodonosor molto rara (15Litri) di Masseto – queste le parole di Jamie Ritchie, CEO e presidente di Wine Sotheby’s, Americhe e Asia, che ha aggiunto –  il lotto è stato vinto da un bidder privato, asiatico, per 49mila dollari dopo una lunga battaglia di offerte. Questo è stato uno dei soli otto Nabucodonosor prodotti dalla Tenuta, cinque dei quali sono ancora in cantina. Siamo stati lieti che Giovanni Geddes, CEO della Tenuta, fosse presente in sala a New York per assistere di persona alla messa all’incanto.

Le battiture d’asta del Masseto sono in costante crescita sia in Italia (Pandolfini, Gelardini&Romani, ecc), sia all’estero (Christie’s e Sotheby’s Londra, New York e Hong Kong, Acker Merral, ecc). Prendendo un arco di tempo che va dal 1998 ad oggi il valore delle bottiglie è in costante crescita, la stessa bottiglia dell’annata 1998, infatti, ha raggiunto un incremento economico del 446% confronto al prezzo di 10 anni fa. Le ultime statistiche riportano un aumento medio nel valore delle bottiglie di circa il 322% confrontando i prezzi con le battiture medie negli ultimi 10 anni. Basti pensare che il 70% di incremento lo raggiungono le quotazioni 2008 paragonate con le stesse annate nel 2007.

Masseto 2007 ha avuto riconoscimenti internazionali di grande spessore: 97 punti Wine Spectator, 96 punti Wine Advocate, 98 punti Falstaff e L’Eccellenza delle Guide de L’Espresso.

Insomma, i seri grandi rossi ancora sono i veri incantatori del mondo.

 

0

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *