http://geishagourmet.com/2011/10/26/i-sensi-del-marketing/

I sensi del marketing

by mercoledì, ottobre 26, 2011

Il mese scorso un nuovo supermarket è stato aperto a Topeka, Kansas.

E’ dotato di un nebulizzatore d’acqua automatico che mantiene freschi i prodotti…

Nel momento in cui viene attivato il nebulizzatore puoi sentire il suono di un tuono lontano e l’odore di pioggia…

Quando ti avvicini al reparto dei latticini, senti in sottofondo un muggito di mucche e l’odore di fieno appena tagliato…

Al settore macelleria aleggia l’odore intenso di bistecche alla brace con cipolle, mentre nei pressi dello scaffale delle uova, sentirai i tipici versi di polli e gallina e uno stuzzicante aroma di uova al bacon.

Infine, lo scaffale del pane è soffuso dell’odore fragrante di pane e dolci appena sfornati…

Chi mi ha segnalato questa notizia dice che la carta igienica in questo supermarket non vuole più comperarla… 😉

Umorismo a parte, comunque, ecco che si avvera una nuova frontiera del marketing di cui qualche anno fa si stava solo ipotizzando le potenzialità. Così l’esperienza shopping diventa sensorialità a 360 grandi.

0
4 Responses
  • curioso
    ottobre 28, 2011

    Queste “americanate” mi piacciono un sacco! Spero si diffondano presto anche da noi. Quando finalmente ci saremo ben ubriacati di virtuale anche nel food e beverage, tornerà la risipiscenza dei consumatori riscoprendo pian piano di avere un cervello proprio.
    Non pensi? ciao, ciao!

    • Gino
      novembre 3, 2011

      Sai che in Italia 2 anni fà a Vignola (MO) un nuovo supermercato CONAD ha installato un impianto che ancori oggi funziona e permette di sentire ,in modo segnalato, i profumi e gli aromi di 5 reparti.
      L’azienda che ha fatto il tutto ha un sito http://www.ariaprofumata.it
      L’incremento nelle vendite è stato anche documentato.
      Ciao

      • Geisha Gourmet
        novembre 4, 2011

        Wow Gino, interessantissimo, appena rientro approfondisco

    • Geisha Gourmet
      novembre 4, 2011

      Beh, mi piacerebbe proprio sapere come fanno con il vino… Che suggestioni creano…

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *