Tortel e tacchi a spillo (e champagne)

by domenica, aprile 3, 2011

TORTEL DEL PATATE

ENOLOGIA APPLICATA

Champagne e tortel de patate: il lusso e la semplicità. Con questa abbinata non potrete che sorprenderlo. E’ ideale per un lui che pensa di aver visto tutto nella vita e, con quell’atteggiamento un po’ spaccone e lo sguardo sofferente, la prima volta che lo avete incontrato vi ha detto «Baby, vieni qui che ti insegno io un po’ di cose…». Ma in questo caso gliene insegnerete voi e, statene certe, impazzirà.

DRESS CODE

Il tortel de patate va fatto al momento e servito subito, caldissimo. Pertanto vi ci vuole un grembiule iper glamour: io uso quelli di Vigar e in questo caso quello leopardato mi sembra l’ideale. Sotto, potreste indossare un tubino aderente senza tanti fronzoli e un sandalo o uno spuntato delle ultime collezioni, laccato e con il pump da 3,5 – 4 cm e il tacco vertiginoso: insomma, versione cubista chic, ma dei fornelli.

Ingredienti per 4 persone

6 patate di media grandezza

sale q.b.

olio di semi di arachidi

PROCEDIMENTO

Due ingredienti e due segreti per fare un tortel de patate perfetto: la patata, che deve essere a pasta bianca e un po’ farinosa; la grattugia, che non deva fare una purea, ma affettare la patata in modo da creare sia la purea che dei fogli abbastanza grossi, in modo che restino dei filamenti in grado di fare da scheletro al tortel, che così resterà morbido all’interno e con struttura croccante ai bordi. Banditi quindi tritatutto, minipimer e altri elettrodomestici che spesso ci facilitano i compiti in cucina: qui c’è solo da lavorare di gomito. La pentola, nella realizzazione di questa ricetta, è meno importante: la cosa migliore sarebbe utilizzare una pentola di rame stagnato o ferro, ma va bene anche una antiaderente. Per friggere il tortello in padella è preferibile utilizzare l’olio di semi di arachidi, perché tiene bene il punto di fumo: meglio ancora, per una perfetta e tradizionale cottura, lo strutto.

Il tortel si servono con salumi, affettati e formaggi tipici (i miei preferiti: speck, Cecina de Leon, formaggi La Tur e Puzzone di Moena), cavolo cappuccio, fagioli o uova all’occhio di bue.

WINE WOMEN WANT

Champagne o pregiatissime bollicine italiane metodo champenoise, di Franciacorta o TrentoDoc. Il tourbillon di finissimo perlage vi ricorderà le onde del mare che si infrangono sulla riva, in un moto continuo quasi magnetico e dai rimandi erotici assolutamente espliciti.

 


 

0

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *