I vigneti avatar e il green con l’Erp

by martedì, febbraio 22, 2011

L’eco-sostenibilità? E’ ormai sulla bocca di tutti. Molte sono le pratiche giuste e corrette, applicate dalle cantine per diventare sempre più “eco friendly”. Il vino, però, va bevuto a tavola e, molto spesso, essa è lontana migliaia di chilometri dalla cantina. Se è impossibile immaginare  un vino a “chilometro zero” (a meno che non si incentivino i consumi locali), qualcosa si può fare, grazie alla tecnologia, per limitare il traffico su gomma, i trattamenti in vigneto, lo spreco di carta ed energia. LookOut ci ha pensato.

Centinaia di chilometri in meno…

La soluzione, dal punto di vista logistico, non è così complicata. Basta distribuire, a livello di mercato nazionale ed internazionale, stock di vino presso depositi remoti. In questo modo, il vino viaggia in pallet e non in singoli cartoni, ed ogni bottiglia ha un peso di CO2 e un costo di trasporto estremamente inferiore rispetto alla spedizione usuale. La gestione con depositi remoti consente di realizzare enormi economie di scala permettendo, ad un vino siciliano, di essere sullo scaffale di un’enoteca milanese nel giro di un paio d’ore.

La tecnologia al servizio dell’ambiente

Facile a dirsi, ma come gestire questi depositi dalla propria sede? Per questo ci aiutano il web e le cosiddette applicazioni transazionali. LookOut è il sistema ERP realizzato per il mondo vitivinicolo e tutte le sue procedure sono  appunto gestite come transazioni utilizzando la stessa tecnologia che si usa nei sistemi di home banking o nei siti di emissione di biglietti aerei. In più, LookOut ha realizzato un sistema di fatturazione accompagnatoria che permette ai depositi remoti di evadere gli ordini colloquiando in tempo reale con il sistema della cantina, emettendo le fatture direttamente dalle proprie stampanti, registrando addirittura in contabilità ed alimentando il registro Iva senza sbagliare neanche un protocollo.

Sostenibili anche in vigneto

L’Erp LookOut rende possibile l’applicazione della viticoltura di precisione, attraverso fertirrigazione e stazioni metereologiche. In questo modo è possibile fare meno trattamenti.

Potremmo quindi dire che con LookOut è possibile risparmiare tempo, energia, trasporti.

MA QUANTO RISPARMIO?

Una cantina che utilizza la fatturazione accompagnatoria via web di LookOut risparmia in tante cose:

–      non necessita più di dipendenti amministrativi dedicati alla fatturazione;

–      risparmia le spese di spedizione delle fatture, notevole se si che un’azienda media raggiunge facilmente 15.000 documenti;

–      utilizza 15.000 fogli di carta in meno all’anno;

–      la fatturazione immediata accorcia istantaneamente i tempi commerciali di pagamento;

–      il cliente riceve la merce e anche la fattura, che spesso la posta non recapita;

–      fornisce al cliente un servizio più veloce;

–      risparmia sui costi di trasporto;

–      fa percorrere mediamente un basso numero di chilometri alle proprie bottiglie, se rapportato alla destinazione.

La notizia mi pareva interessante… A voi dirmi se è anche realizzabile.

0

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *