http://geishagourmet.com/2010/10/03/las-ventanas-un-vero-paraiso-conquistato-dal-tortel-de-patate/

Las Ventanas. Un vero "paraiso" conquistato dal tortel de patate

by domenica, ottobre 3, 2010

Las Ventanas al Paraiso sul far della sera

Los Cabos è la punta estrema della Bassa California, Messico, lì dove il Mar di Cortez si incontro con l’oceano in un evento naturale unico nel suo genere. D’inverno è qui che si viene per vedere lo spettacolo delle balene grigie, d’estate ci si trovano sempre i leoni di mare e le tartarughe, che scelgono le sue spiagge per deporre le loro uova. E se siete amanti della pesca, sappiate che il mare è talmente pieno di pesci che chiunque – anche il più inesperto – ha più del 95% di possibilità di pescarne uno.

Ed è sempre a Los Cabos che George Clooney passeggia con la Canalis, oppure Cindy Crowford e tante altre star hollywoodiane che qui hanno casa nella zona chiamata El Dorado. Vi ricordate il primo film di Sex & the city, quando Carrie, lasciata sull’altare da Big, viene portata dalle sue amiche in Messico, nel resort che lei aveva prenotato per la sua luna di miele? E’ qui, a Los Cabos, e si chiama Esperanza (ma quello di cui vi parlerò tra poco è moooolto più bello). Non è un caso, perchè qui ci sono alcuni tra i resort più belli del mondo. Uno di questi è Las Ventanas al Paraiso, dell’americano gruppo Rosewood. Non è facile descrivere la magia di questo luogo che la sera si illumina solo di candele e lanterne e di giorno vi regala atmosfere di relax super lusso, con un maggiordomo per ogni vostra esigenza (persino quello che vi pulisce gli occhiali da sole!) che svolgono i loro servizi sempre con il sorriso e con una gentilezza talmente spontanea da sembrare surreale, quantomeno se pensate all’Italia o a tanti altri posti dove difficile trovare, pur pagando cifre stellari, location e personale così affabili. Nonostante questo resort sia una meraviglia perfetta in ogni singolo dettaglio – piena zeppa di artigianato messicano in ferro battuto, vetro soffiato, coccio e ceramiche, tessuti ricamati – è proprio l’atmosfera regalata dalle persone che non si può raccontare e che è il segreto de Las Ventanas, diretto magistramente da Lionel Álvarez (managing director), Joaquim Lemos da Costa (Food&beverage manager) e dallo chef di Avignone Fabrice Guisset.

Da sx: Fabrice, GG e Lionel

Las Ventanas spiaggia e mare

In un luogo dove non riuscite a trovare imperfezioni, anche la cucina non vi deluderà. Tre i ristoranti: uno seagrill con specialità alla griglia soprattutto di pesce, ma non solo; un sushi restaurant; uno ristorante più sofisticato a bordo piscina. Tutti all’insegna delle specialità messicane, che qui sono il leit motiv e vengono sublimate dalla maestria di Fabrice (amante della cottura in forno) e dai suoi collaboratori.

Las Ventanas seagrill e GG

Las Ventanas seagrill

Chef Fabrice

GG e Fabrice durante la cena gourmet per due nella Cava

Ma a Las Ventanas potrete mangiare romanticamente sulla spiaggia e in ogni angolo dell’hotel vi piaccia di più, con coreografie allestite per voi che quasi sembra un film. E non mancano nemmeno le cene a tema, come quella messicana, con tanto di spettacolo con i fuochi, in cui la spiaggia si trasforma in un ristorante sotto le stelle, illuminati dalla luce di lampioncini e di falò allestiti per l’occasione.

Il mais, chiaramente, qui è uno dei protagonisti, visto che in Messico ci è nato. E ho avuto la fortuna non solo di gustarlo in mille declinazioni, ma anche di assaggiare una vera e propria rarità: il tartufo del Messico, escrescenza che nasce dalla pannocchia dopo giornate molto piovosa, non commestibile se non lavorata e di un sapore dall’intensità inebriante. Proprio come il tartufo.

Las Ventanas panorama serale

Prima di partire GG ha pensato bene di far conoscere a Fabrice una ricettina che poteva essere, ogni tanto, l’alternativa alle sue buonissime tortillas di mais. Il tortel de patate, ricetta trentina che, nella sua versione originale conservata e divulgata dalla Confraternita del tortel de patate viene fatta semplicemente grattugiando le patate a julienne, quindi salarle e poi procedere con il friggere un cucchiaio di composto, sagomato in padella a mò di frittella. Fabrice era molto divertito e mi ha permesso di entrare nella cucina del resort per prepararglielo… Il risultato? Lo vedete nelle foto qui sotto!

GG in cucina de Las Ventanas mentre grattugia le patate

GG is cooking for the chef

Da sx, Joaquim, Fabrice e GG: pronti per cuocere il tortel de patate

Fabrice accende i fuochi

Fabcie e GG discutono mentre il tortel sta cuocendo

Cosa starà dicendo di così stupefacente Fabrice a GG?

Tortel de patate in cottura

Ultimi tocchi ai tortelli

Fabrice ci aggiunge il tocco da maestro (formaggio caprino messicano e miele al tartufo)

Joaquim soddisfatto è la prima cavia

Joaquim e Fabrice promuovo il tortel a pieni voti. Si brinda con il moijto al centriolo

"Francesca, potato cake was the best", scrive Fabrice... Missione compiuta, insomma!

0

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: