http://geishagourmet.com/2010/09/27/lunita-ditalia-si-fa-nel-piatto/

L'unità d'Italia si fa nel piatto

by lunedì, settembre 27, 2010

Eh sì, lo diciamo da tempo. La cultura di un popolo passa forse in primis nelle sue tradizioni enogastronomiche, che raccontano meglio di tanti libri  (o almeno in modo più piacevole) la storia di un Paese. Devono averla pensata così anche gli chef riunitisi a Foligno per “I primi d’Italia”, manifestazione che ogni anno propone il meglio dei primi piatti dello Stivale (chiusa il 26 settembre), che quest’anno hanno pensato bene di inventarsi per i 150 anni dell’unità d’Italia un piatto ad hoc.

La scelta è ricaduta sulla zuppa, una zuppa nazionale, realizzata con ben venti ingredienti, ciascuno proveniente da una regione italiana: un piatto nel quale hanno trovato posto non solo ortaggi d’eccellenza ma anche ingredienti inaspettati e sorprendenti come la grappa, lo zafferano ed il pistacchio. Un’ardua impresa riuscire a miscelare venti prodotti così diversi tra di loro, ma dopo un grande lavoro ed innumerevoli prove, gli chef de “I primi d’Italia” sono riusciti nell’intento e, per la prima volta nel nostro Paese, proprio a Foligno si è potuto assaggiare un piatto capace di far rivivere nei profumi, nei gusti e nei colori, l’essenza, la tradizione e le peculiarità della nostra così variegata e ricca Italia.
Questi gli ingredienti del piatto: Lardo d’Arnad (Valle d’Aosta), Riso (Piemonte), Grana Bella Lodi (Lombardia), Speck (Trentino Alto Adige), Grappa (Friuli Venezia Giulia),  basilico (Liguria), Radicchio di Chioggia Igp (Veneto), Zafferano (Sardegna), Sale di Cervia (Emilia Romagna), Rigatino stagionato (Toscana), Olio extra vergine di oliva (Umbria), Farro (Marche), Zucchino romanesco (Lazio), Aglio di Sulmona (Abruzzo), Fagioli bianchi di Riccia (Molise), Fagioli di Sarconi (Basilicata), Pomodorino del Piennolo (Campania), Cipolla di Tropea (Calabria), Pistacchio verde di Bronte (Sicilia) ed Olive (Puglia).

Ma per chi, come me, non è stato a Foligno, sarà mai possibile testare questa zuppa tricolore da qualche altra parte o almeno averne la ricetta?

0

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: